venerdì, febbraio 12, 2016

The sport of competitive pigeon flying (or ‘doo fleein’, in the parlance of its practitioners) is a centuries-old Scottish tradition, and the pursuit of no more than about 1,000 Scots. It requires an expertise in all things pigeon, but essentially boils down to luring an opponent’s birds into a sexual rendezvous with your own pigeons. Pouters follows two longtime rivals, Rab and Danny, as they compete for doo fleein’ supremacy among bleak Glasgow apartment tower blocks.

 
POUTERS from Better Days on Vimeo.

giovedì, febbraio 11, 2016


mercoledì, febbraio 10, 2016


domenica, febbraio 07, 2016

Confessions of an Irish Catholic anarchist…


12674419_10153889554894210_646874076_nWith election time on the horizon, the descriptive terms in the title start coming up in conversation more and more frequently. And yes, it is all correct; I’m an Irish citizen, a devout Catholic and a committed anarchist. To the average person, that might seem incongruous- certainly the last two- even absurd. But it is all correct.
Needless to say, questions come thick and fast:
How I can remain in the hierarchical Catholic Church- which prizes devotion and obedience above just about everything- and embrace a political outlook that rejects hierarchies and embraces liberty and free thought?
Doesn’t anarchism reject organization altogether in favour of chaotic rebellion?
Can you really be part of a hierarchical church- a very often reactionary and intolerant one- and still maintain your own liberty and autonomy, both of which sacrosanct to anarchists?
‘No Gods, No Masters’ and ‘I believe in God the Father Almighty’… Can you actually hold on to both?
My personal answer comes from years of lived experience, thousands of pages, dozens of interactions, and much contemplation. It comes from discovery and investigation of the rich seam of radical thought within Christian teaching and history- the worker priests of France; the Catholic Worker movement of Dorothy Day and Peter Maurin; the theology of Jacques Ellul and Nicolai Berdyaev; the philosophy of Leo Tolstoy… So the thoughts I’ll give here are relatively brief, but there’s plenty to explore…
… In the words of one Jewish carpenter, ‘seek and you shall find’…
More here.

sabato, febbraio 06, 2016


Due storie mediche diversamente istruttive


dieta-alcalina-la-salute-a-tavola-102083
“Il cancro uccide attraverso le metastasi”, come dice uno studioso della suddetta università, il dottor Avik Som. I ricercatori del suo gruppo hanno puntato   a combattere il tumore alzandone il pH, ossia rendendone “alcaline” le cellule, e l’ambiente strettamente circostante.  Ricordiamo che l’equilibri acido-basico del sangue dovrebbe essere mantenuto a pH 7,35-7,45 (il pH è una misura dell’acidità:   più il numero è basso, più il sangue o il tessuto è acido). Il carbonato di calcio, sciolto semplicemente in acqua, dà un pH 9 (alta alcalinità), come ci si può aspettare da un anti-acido. Quando è iniettato nel corpo, effettivamente fa’ salire il pH del corpo al livello fisiologico, 7,4. Però   solo per breve tempo. Il motivo, secondo i ricercatori è che il calcio carbonato cristallizza in cristalli troppo grossi per penetrare le cellule, e anzi nell’acqua la cristallizzazione continua a crescere, “come gli stalattiti in una caverna”. L’idea è dunque stata di ottenere la sostanza in forma di nano particole, mille volte più piccole dei cristalli naturali.

how-big-is-a-nanometer

Continua qui.

giovedì, febbraio 04, 2016

Conversations on Distributism

Conversations on Distributism:



The Catholic Worker, June 1955
“The trouble with Labor,” said David (Hennessy), as he poised himself on the ladder outside the kitchen window, talking to me at the kitchen sink inside, “is that it is forced to fight for the same thing it is fighting against. It is fighting for money, when what it should be fighting for is property. That is the big fight today,—money versus property. Industrial capitalism tends to be bigger and bigger monopolies, ‘interlocking directorates’ the Popes have said; and the unions right now are certainly under water, all but drowning. They are really fighting for their lives, just for the right to exist, and that doesn’t leave much time or energy to formulate aims and purposes aside from wages and hours. And the higher the wages, the higher the prices. Property’s the thing. The Popes have said that as many as possible should become owners. They said to deproletarize the workers.”

David is always worth listening to on these subjects but our conversations must of necessity be elliptical and disjointed what with swing shifts, hours of work, his duties on his four acres and with his wife and six children (and another on the way).

That day his work was from seven to four, and he had time before supper to screen in the kitchen windows. As he stood on the ladder outside the kitchen window, the baby goat nibbled delicately at the leaves of the little peach tree, the six ducks made an exploratory procession through the garden back of him, and Margaret and Mary Elizabeth, (Maggie and Liz to their father) climbed up the ladder by his side to hand him tacks. Maggie is not yet two and Elizabeth is not yet four. I, the grandmother, have nervous prostration watching them on ladders and high up in the mulberry trees. Another argument for early marriages. You can take it better.

David is worth listening to, because he works for a subsidiary of one of the greatest monopolies, and is a member of a union which competes with still another union for the membership of the workers, the International Mine Mill and Smelter Workers, and at the same time he lives on four acres (and yet in the city too) and has wife and children, goats, chickens, ducks and geese, not to speak of turtles and chipmunks, rabbits and parakeets and other live things. He is scholar and worker, and in the latter capacity earns his living by the sweat of his brow, and in the former, runs his mail order bookshop whose ads we carry every month, and whose books illustrate the ideas we are always talking about in The Catholic Worker, for a “new society to be built here and now, within the shell of the old.”1

“The two great sins against increase, according to the teaching of Thomas Aquinas, are usury and sodomy,” he went on, taking some tacks from Lizzie’s outstretched palm. “And one is apt to lead to the other. Take those men at the factory. They are trying hard to become owners, and after years of steady hard work in that plant are trying to buy their own homes. You should hear them talk about their gardens and the drought! The older ones bought older houses with more space around them. But the younger ones are buying these new houses which cost fourteen thousand dollars, and after a good down payment take thirty years to pay off. By the time they get through paying the interest and the installment on the mortgage, they will have paid $33,000 for those same houses, and by thirty years, the houses will have fallen apart. And there is not enough room in them for an increase in the family either, and so that is where sodomy comes in, an ugly word but the saints of the church didn’t mince their words. Sodomy is birth control, according to church teaching.”

David’s job is in a foundry where waste metals are smelted in furnaces, and ingots of copper, brass, lead and zinc are turned out. It is a basic industry since metal is to industry as food is to the body. The work is hard and about 400 are employed not counting the office force.

“Industrialism can’t give man the three basic necessities, food, clothing and shelter.” David went on. “For instance mass production can make frigidaires, but not the food to go in them. Of course people can argue that we do have factories in the fields and we do have mass production of food. But all rural-lifers who are working for the family farm can tell you that such mass production does not produce as much per acre as smaller units and the soil is depleted and poisoned and the health of the whole population lowered. Under industrialism the world is starving and the vitamin factories are flourishing….”

And about clothes! Under the Jewish law, and the Christian too for that matter, organic material is supposed to be used; wool, cotton, linen, not mixed, nor an imitation of these.
“Eric Gill has written about clothes. And about money too. His book Money and Morals has chapters in it on the politics of industrialism and unemployment. Newman Book Shop put out a good pamphlet on money recently by Fr. G. Jansen, O.P. called Money is Sterile. Then there is The Cross of Gold by H.D.C. Pepler, and Financial Justice by J.F.L. Bray, an Aquinas Paper published by Blackfriars. I’ve got them in my list. Two new books came in today, Home Made Homes by Ronald Duncan, who is a Ruralist and a Gandhian, too. He wrote a book on Gandhi before his death. The other is From the Waste Land, by Edward Hyams, a socialist but he preaches agriculture, craftmanship and religion. They all go together. Of course Bede Griffith’s book, The Golden String brings all these things out best of all.”

David got down from his ladder and with the help of Eric and Nickie moved on to another window, which happened to be behind a large frigidaire which all but cut out light and air! So our conversation was interrupted.

But such conversations, just as such articles as this, must of necessity be suggestive and provocative, and to learn more, there are always the books!

The post Conversations on Distributism appeared first on The Distributist Review.

mercoledì, febbraio 03, 2016

Maternità surrogata, uno scambio ineguale

È generosità nei casi di affetto, intimità, amicizia (la sorella, l’amica). Diverso il gesto della donna che mette il corpo gratuitamente a disposizione di sconosciuti

Nel dibattito sulla maternità surrogata c’è un grande assente. Si tratta dell’art. 3, secondo comma, della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea, che stabilisce «il divieto di fare del corpo umano e delle sue parti in quanto tali una fonte di lucro». In base a questa disposizione, contenuta in un documento che – ricordiamolo – ha oggi lo stesso valore giuridico dei Trattati, sono vietate nell’ambito dell’Unione non solo la vendita del rene o l’affitto dell’utero, ma anche la vendita di “prodotti” corporei come il sangue, gli ovuli, i gameti, che possono essere donati, ma non divenire merce di scambio sul mercato. Simili pratiche (con l’eccezione della vendita del rene, oggi consentita – a mia conoscenza – solo in Iran), sono invece perfettamente lecite al di fuori dell’Unione europea; non solo in India o in Ucraina, ma negli Stati uniti, dove da anni esiste e prospera un fiorente mercato del corpo.
Sottrarre alle persone, uomini o donne che siano, la possibilità di disporre a piacimento di ciò che “appartiene” loro nel modo più intimo significa esercitare una forma di paternalismo? Qualcuno lo sostiene. Se di paternalismo si tratta, certo è lo stesso che giustifica la previsione dell’inalienabilità e indisponibilità dei diritti fondamentali. In stati costituzionali di diritto, come il nostro, non si può vendere il voto, e un contratto con cui qualcuno si impegnasse a farlo sarebbe nullo. Lo stesso dicasi del contratto attraverso il quale qualcuno disponesse, “volontariamente”, di rinunciare alla propria libertà, dichiarandosi schiavo di qualcun altro.
La ratio di simili divieti è chiara: si tratta di impedire che soggetti in condizioni di debolezza economica e culturale compiano scelte a loro svantaggio solo apparentemente libere, in realtà tristemente necessitate. Là dove simili divieti non esistono, o sono rimossi, i diritti diventano, da fondamentali, patrimoniali: la salute e l’istruzione si vendono e si comprano, così come le spiagge, l’acqua potabile, l’aria pulita. L’ultima frontiera è quella della cannibalizzazione del corpo e dei suoi organi che, da «beni personalissimi», «la cui integrità è tutt’uno con la salvaguardia della persona e della sua dignità» (L. Ferrajoli), vengono degradati a beni patrimoniali, merce di scambio sul mercato capitalistico.
«Di quale esercizio della libertà si può parlare quando il condizionamento economico esclude la possibilità di decisioni davvero autonome?»- si chiede Stefano Rodotà. E prosegue: «Ecco perché appare necessario collocare il corpo fuori della dimensione del mercato, consentendo invece che le allargate possibilità di disporre di sue parti o prodotti possano essere esercitate nella forma del dono, come espressione della solidarietà» (Libertà personale. Vecchi e nuovi nemici, in Quale libertà? Dizionario minimo contro i falsi liberali, a cura di M. Bovero, Laterza 2004).

Continua qui.

martedì, febbraio 02, 2016


La vera radice dei diritti

Il dibattito sulla legge Cirinnà, l’ascesa del tema del matrimonio gay come logica conseguenza dell’evoluzione della società. Ma dietro l’invocazione dei principi un altro interrogativo: basta la volontà di una maggioranza parlamentare per stabilire i diritti?

di Ernesto Galli della Loggia 


Non entrerò nel merito del disegno di legge Cirinnà che ormai si avvia comunque all’approvazione. Farò solo qualche osservazione sul modo in cui per settimane se ne è discusso (cominciando con il notare, tra parentesi, come ancora una volta, e su una questione così complessa e importante, la Rai abbia brillato per la sua assenza. A Viale Mazzini come del resto in tutte le tv italiane, si è convinti che ad approfondire qualsiasi tema, dall’emergenza climatica all’esistenza di Dio, basti e avanzi un bel talk show con l’onorevole Andrea Romano e l’onorevole Gasparri).
Una cosa soprattutto mi ha colpito: il prescrittivismo giuridicista, adoperato così di frequente — in questo come in molti altri casi del resto — dai sostenitori della legge. Sposarsi? È un diritto. Avere un figlio? Un diritto. Adottarlo? Un diritto anche questo. Tutti diritti, e naturalmente tutti rigorosamente statuiti, previsti, dedotti, dalla oggi sempre invocata «democrazia liberale» (oggi che tutti vi si sono convertiti), alias «la libertà». Chi si riconosce nell’una e nell’altra — a sentire i più — non può che riconoscersi necessariamente non solo nel disegno di legge Cirinnà ma anche, si direbbe, in qualunque richiesta dell’Arcigay. Nessuno si è chiesto, però, come mai, pur esistendo la suddetta «democrazia» da oltre un secolo, tuttavia è solo da una decina di anni che il matrimonio gay con le sue varie appendici è entrato (non senza qualche difficoltà) nell’elenco dei diritti che sempre la medesima «democrazia liberale» non potrebbe negare, si dice, se non negando se stessa. Ma come mai — è inevitabile chiedersi — la rivendicazione di un tale diritto in precedenza non era mai venuta in mente a nessuno, neppure ai più libertari tra i libertari? Gli omosessuali non sentivano forse, ieri, il bisogno di sposarsi e di avere figli? La democrazia non era abbastanza liberale? Non eravamo abbastanza democratici, o che?

Continua qui.

lunedì, febbraio 01, 2016

Monday again

Monday again:

tumblr_o1ucabgexf1qz6z2wo1_500.gif




Monday again

domenica, gennaio 31, 2016

Il diritto? Nasce dal matrimonio. L'arringa in favore della “famiglia naturale” di Lévi-Strauss

Matrimonio e “altre unioni” sono cose diverse. La Cei? No, lo diceva l'intellettuale francese

Claude Lévi-Strauss
Guardate la campagna #svegliatitalia (“Chi ama i diritti, li vuole per tutti”): inscena coppie etero e omo bellissime e ammiccanti, disinibite ma innocenti, colte in un abbraccio a letto mentre si promettono eterna felicità e notti di fuoco ridendo di gioia in uno scenario da backstage del Mulino Bianco, incommensurabile rispetto alla scabra realtà dei fatti quotidiani. Allo stesso modo, a fine Seicento, Pierre Bayle postulava una società di atei virtuosi migliore di tutte le nazioni dilaniate dalle guerre di religione ma se la figurava composta solo da tanti Spinoza, senza considerare l’ipotesi che anche fra gli atei potessero esserci delinquenti o imbecilli che le leggi avrebbero dovuto tenere a freno. Quella immaginata da Bayle o da #svegliatitalia è “una società senza società”, espressione di Lévi-Strauss che ho ritrovato in una monografia di Lorenzo Scillitani dal titolo respingente (“La filosofia del diritto di famiglia nell’antropologia strutturale di Claude Lévi-Strauss”, Rubbettino, 168 pp., 15 euro) ma utilissima a radicare il dibattito attorno alla famiglia su “una filosofia del diritto che non voglia cadere preda delle mode culturali dettate dal transeunte” senza ambizioni propagandistiche, il contrario cioè di quanto avviene oggi.

Continua qui.