lunedì, marzo 18, 2019

Be Thou my battle shield
Sword for the fight
Be Thou my dignity
Thou my delight
Thou my soul's shelter
Thou my high tower
Raise Thou me heavenward
O Power, my power


domenica, marzo 17, 2019

Happy Saint Patrick's Day



Buona festa di San Patrizio. Questa mattina c'erano anche i Carabinieri alla parata qui a Dublino.

martedì, marzo 12, 2019

No strong evidence that free contraception will reduce abortion rate


Health Minister Simon Harris wants the State to provide free contraception as a way of reducing the number of unwanted pregnancies. Evidence from other countries suggests that his plan won’t work and may be another waste of public money that would be better spent elsewhere.
If we look at and compare abortion rates with easily available and sometimes free contraception in a variety of European countries we discover that there is no correlation between them.
The dark green countries in the graphic are highlighted by the European Parliamentary Forum for Sexual and Reproductive Rights for having general reimbursement schemes (including long-term contraception) for contraception-users, special contraception arrangements for young and vulnerable groups, plus Government-supported websites providing contraception information.
But two of the countries in that group – France and Britain – have high rates of abortion by European standards, while Italy, which scores poorly in the Forum’s analysis in terms of affordable contraceptive availability and information has a much lower abortion rate. The abortion rates are 6.2 per 1000 women age 15-49 in Italy, compared with 14.4 in France and 16.7 in the UK.
In a previous blog I have commented on two studies that found no correlation between the cost of contraceptives and the rates of abortion.
Since then an interesting new article has been published on the BMJ Open website, with the title “Ecological study on the use of hormonal contraception, abortion and births among teenagers in the Nordic countries.”
The study focuses on teenagers in Denmark, Finland, Iceland, Norway and Sweden. In the period 2008-2015 both birth and abortion rates decreased in those countries, particularly among teenagers. The study tested the hypothesis that “the increasing availability of contraceptives is one of the reasons for the decline” and found that this is not the case.
“The observed differences in overall user rates of hormonal contraceptives could not explain the differences in abortion rates since, for example, Norway had a lower user rate than Sweden, but still had lower abortion rates.”
There are three main factors determining the risk of unplanned pregnancies: the proportion of sexually active women, the proportion of women using a contraceptive method and the efficacy of this method.
The study said nothing conclusive about the first factor. (We know from other studies that in developed countries there has been a decline in the sexual activity among teenagers and a postponement of their first intercourse. This is due partly to the fact that they socialized more online rather than in real life.)
With regard to the proportion of contraceptive users, there were only small differences between the countries studied, and the proportion did not increase more in countries with the steepest decrease in births and abortion rates.
The study then highlights the high efficacy of so called long-acting reversible contraceptive (LARC) methods, such as implants, compared to pills or condoms, but “the impact on the overall and long-term abortion rate has been difficult to detect.”
Those three factors (sexual activity, use and quality of contraception) are influenced by cultural and social aspects. Interestingly, the study is quite sceptical about the efficacy of sex education programmes.
“It has been suggested that sexuality education programmes may lower teenage pregnancy rates by postponing the first sexual intercourse and by increasing both contraceptive user rates and quality of use. There is however a wide variety of programmes, and from the studies, it is difficult to draw conclusions about the extent to which programmes actually affect teenage pregnancy in practice. A Cochrane review of school-based sexuality education programmes found no evidence of an impact on pregnancy rates”.
We have discussed this issue here.
The study dismisses the claim that subsidies of contraceptives can lower pregnancy rates, which is what Minister Harris is suggesting.
“Denmark, without any subsidies at all, has a higher contraceptive user rate and a lower abortion rate than Sweden, which offers subsidies for young women. This is in keeping with the findings from an English study where staying at school rather than the promotion of long-acting reversible contraceptive (LARC) seemed to have a higher impact on the teenage pregnancy rate.”
Thus, there is little or no evidence that free contraception will reduce the number of crisis pregnancies. Such a programme would cost anything up to €126 million per annum according to a report in Times Ireland. Wouldn’t that money be far better spent on the new children’s hospital?

domenica, marzo 10, 2019

Refusing to see the evidence about children of married parents


Yet another study was published recently showing that “children born to unmarried parents are disadvantaged relative to children born to married parents in terms of parental capabilities and family stability”. The study follows the lives of 5,000 children born between 1998 and 2000 in large US cities. It is called the ‘Fragile Families and Child Wellbeing Study’. It is overseen by Princeton University’s Professor Sarah McLanahan. She was interviewed about the study recently on the BBC. What is fascinating is the interviewer’s obvious resistance to the findings of the research.
Professor McLanahan, who raised a child on her own for ten years, first of all outlines some of the main conclusions of the study.
She says of the ‘fragile families’ followed by her research team: “The bottom line is that  there is an enormous amount of instability, partnership changes, so a lot of them, mothers who do start out cohabiting with the father, most of those relationships end by the time the children are five-nine years old and then the mother goes on to look and have another partner that she may live with, and she may have a child with that second partner. And then that relationship may you end. And so, the children in these families are exposed to a lot of changes in the partnership composition of the household. They also end up with many half-siblings.”
The interviewer then asks: “When you looked at the children’s education, their emotional well-being, their behavior, how did it look for the children?”
Professor McLanahan responds: “It looked worse in every dimension and some of that is due to the fact that these children have less educated parents, they have lower incomes and all of those things but even after you take those factors into account, there’s an additional a negative consequence associated with the partnership changing. So, the children they do worse on cognitive tests. They do worse in behavior, especially social emotional behaviour problems, and there’s also more asthma, worse sleep patterns and lots of just health problems as compared to children raised in stable two parent families.”
It is now that the interviewer begins to resist the findings and discover if there is some way to explain them away and conclude that they have nothing to do with the children having two parents per se, or with being married.
She asks Professor McLanahan “how she could be so sure that these results are due to the parent’s marital status and not other differences.”
Professor McLanahan responds: “But you can do that statistically by comparing parents who have the same amount of instabilities but one also had the instability of partnership and the other family has not.”
The interviewer presses on: “And is the effect of being unmarried really worse than some of the other effects that we’re talking about?”
Professor McLanahan cuts to the heart of the interviewer’s concern: “I think what you’re asking is: what if you were unmarried, a stable single mother, who has lived in the same house and never had a partner. There are a few of these mothers and the research does show their children do worse. And if you think about it, why do they do worse? They have one parent time instead of two.”
The interviewer still doesn’t let up: “Were these results consistent enough for you to be absolutely sure that you were saying, an effect that was linked to the to the family setup?”
Professor McLanahan (remember, she lived for 10 years as a lone parent and therefore sympathises greatly with lone parents) sticks to her guns. She says: “Yes, yes, I think so. A parent’s time and money is what parents have to invest in their children so when you only have one parent you’re going to have less time and money, even though as many as about a third of the unmarried fathers do stay involved with their children, even after they’ve ended the relationship with her mother. But they don’t stay nearly as involved as the married fathers and one of the things that’s interesting about this, or sad I guess you could say, is that during the last twenty years there’s been a large increase in fathers’ involvement with children and so the during the period when the more highly educated fathers are spending more time with their children, the less than college educated fathers are spending much less, primarily because they’re not living with their children. What worries me the most is I see this as really contributing to a growing gap between the children born to educated parents and the children born to less educated parents. So, it’s increasing inequality”.
Even now, the interviewer won’t let go. She still wants to be absolutely sure that the study really finds that family structure makes a difference to children.
Now she states: “Your study includes thousands of families but given the complexity of families and of day-to-day living, how can you be sure that the families you studied give you a reliable enough findings to make these conclusions?”
Professor McLanahan (a very patient women evidently) responds: “We can’t run an experiment where we had kids who are exactly alike, we assign one living to a fragile family or being born to a fragile family, and one being born to a stable to parent family. So, we can never rule out that some of the factors that are affecting those choices are responsible for the poor child outcomes. But we have lots of econometric and statistical approaches for dealing with these issues and my sense, at the end of the day, is that there is a causal effect in these family changes on child wellbeing. I don’t think it’s gigantic, it’s not as big as the effect of mothers’ education, but it’s big enough to be a concern, it’s big enough to increase inequality.”
What is going on here is very interesting. When studies are published showing the poverty can have ill effects on children, no-one asks the researchers if they can be absolutely, 100 percent sure that they are really measuring the effects of poverty and not other factors (e.g. family instability!).
Studies have been produced of children raised by same-sex parents saying the children are doing just fine, and they are barely questioned, even though the sample sizes are almost always tiny and/or non-random.
But here we see huge resistance to the findings of another big, longitudinal study which indicates that family structure makes a difference to the lives of children, even after controlling for other factors.
Finally, having explored every other avenue, the interviewer pointblank asks: “Do you worry that your findings are open to being hijacked by people who might want to draw quite different conclusions about how, particularly women, should lead their lives?”
Professor McLanahan answers: “Definitely yes. There are people who would like to say, you know if we just get everybody married everything will be ok, and you know, I definitely don’t think that would fix things at all. I think we have to fix a lot of this societal conditions that are making it so hard for these parents to have a stable relationship.
But who is really saying this? Who really thinks that getting married is a cure-all? But it clearly helps in some cases, as the Fragile Families study indicates. Why can’t we say this? Perhaps it is ideological resistance to saying marriage matters that is the real problem here, or ideological resistance to saying fathers matter?
Few people say mothers don’t matter and surely it is simply common sense to suggest that having the father around is of benefit both to the mother and the children, assuming he is a fit parent?
Maybe one day we can accept studies like this one at face value, draw the necessary policy conclusions and do what we can to connect more fathers to their children and the mothers of their children. That something used to be marriage.

venerdì, marzo 08, 2019

L’otto per la vita

di Costanza Miriano
Buona festa della donna alle mie ormai migliaia di amiche e conoscenti che se ne fregano della festa della donna, che non hanno rivendicazioni da fare, che sono felici di avere avuto la incredibile fortuna di poter essere al servizio della vita – sia che i figli non arrivino, sia che ne arrivino otto, nove, undici o dodici: quello che conta è la disponibilità – che amano farsi i fatti degli altri, prendersi cura, farsi carico, che vogliono essere alleate dei loro uomini, imparare a tradurre il loro linguaggio, stare dalla loro parte, aiutarli a essere migliori, mentre loro le proteggono.
Buona festa alle donne – tutte quelle che conosco – che non trovano assolutamente niente di strano nel volantino della Lega di Crotone: tutte noi pensiamo che l’utero in affitto sia una vergogna, che ci chiamiamo mamma e non genitore 2, che non siamo interessate alle quote rosa ma ad avere uno stile di lavoro diverso da quello degli uomini, che tenga conto del fatto che siamo più brave a prenderci cura delle persone piccole e deboli, siamo più brave e ci gratifica molto, buona festa a noi che pensiamo che prenderci cura della famiglia è per noi naturale, anche se vogliamo essere libere di poter dare un contributo a costruire un mondo migliore anche fuori (nessuno si sogna di pensare che le donne non debbano lavorare se lo vogliono), ma non con i tempi e lo stile dei maschi; a noi che, come dice il volantino dello “scandalo” (che a noi sembra semplice buon senso) ci sentiamo strumentalizzate da chi afferma di difenderci ma lotta solo per permetterci di abortire, mai per aiutarci a far nascere e tanto meno a crescere i nostri figli.
Questo è semplice buon senso, ed è davvero paradossale e francamente irritante che dire queste cose sia considerato “di destra”: a me per esempio la politica non interessa, ma questa è la realtà, e la realtà non è di destra né di sinistra. È la realtà. Le donne partoriscono, gli uomini no. Le donne allattano, gli uomini no. Gli uomini che vogliono figli senza una donna devono per forza pagarla e poi portarglieli via. La realtà non è di destra, è la realtà.
È questa sinistra radicale che ha perso il contatto con la realtà. Renzi nel suo libro, e anche da Fazio, ha detto che il popolo del Family Day gliel’ha giurata, e che questo ha fatto sì che perdesse l’elettorato di centro. A me piacerebbe credergli. Mi piacerebbe pensare che quelle nostre piazze che abbiamo contribuito a riempire abbiano avuto così tanto potere. In realtà purtroppo la gente non si è allontanata dal Pd perché sensibile ai valori cristiani (e caliamo un pietoso velo su Galantino che, scrive Renzi, ha dato il suo placet alle unioni civili, ma d’altra parte se per lui Sodoma si è salvata, è tutto a posto), la gente si è allontanata dal Pd perché il tema delle unioni civili che ha monopolizzato mesi di governo interessava solo una percentuale risibile di popolazione, l’1% delle famiglie, mentre il 99% si è sentito abbandonato da un Parlamento che è stato fagocitato da un dibattito che interessava solo la sinistra radicale, non il paese vero (litigare per mesi sulla stepchild adoption, quando le pochissime persone che sono disposte e possono spendere 150 mila euro per procurarsi un figlio non è che spostino queste grandi percentuali di elettorato; e in più la gente senza fare grandi studi di psicologia, senza leggere i rapporti dell’università di Vattelapesca, ci arriva a capire che i bambini vogliono la mamma, e non il concetto antropologico).
La verità è che come a difendere la linea di totale e incondizionata – sottolineo incondizionata – apertura agli immigrati sono quelli che manifestano per loro uscendo dalle loro case alto borghesi, e che non abiteranno mai fianco a fianco con loro nelle periferie degradate, allo stesso modo a difendere aggressivamente il diritto delle donne a lavorare non sono le cassiere o le commesse, ma le professioniste che hanno goduto di una grande libertà di gestione del tempo, che non sono dovute stare ore e ore incollate a una postazione mentre i figli a casa avevano la febbre, o aspettavano la mamma per finire i compiti, sono donne che sono potute uscire dal lavoro per la recita di Natale dell’asilo, essere lì quando i figli avevano bisogno senza dover supplicare un permesso. Sono le donne che hanno fatto lavori gratificanti e remunerativi o almeno flessibili a combattere perché le operaie abbiano il diritto di stare attaccate alla catena di montaggio otto ore al giorno più la pausa pranzo. Che si ricordino, le parlamentari che credono di difendere le donne, che, è vero, ci sono tanti bei lavori gratificanti, ma non per tutte è così. Escano dalle loro cerchie e incontrino la gente. E se non la capiscono più non è perché siamo diventati tutti populisti, ma perché l’ideologia ha fatto perdere loro il contatto con la realtà.
Noi donne che non ci siamo fatte lavare il cervello, chiediamo diritti diversi da quelli degli uomini, per esempio chiediamo di poter scegliere se e quanto lavorare (il diritto ad avere il part time se lo chiediamo, quando i figli sono piccoli, magari perché dei cospicui assegni familiari ce lo consentono): non è libertà anche questa? Scegliere di non lavorare? O è libertà solo lavorare, magari senza fare figli o facendone uno molto tardi? E se non è possibile non lavorare, che almeno si chiamino le cose col loro nome; il lavoro quindi è una necessità, non “diritto” o “conquista”. Dobbiamo lavorare perché ci hanno rubato uno stipendio, perché oggi pagano due lavoratori quanto un tempo guadagnava uno solo.
Anche noi, come gli autori del volantino dello scandalo, crediamo che il vero aiuto alla donna sia quello di permetterle di essere sé stessa, diversa dall’uomo. La pari dignità la diamo tutte per scontata, nessuna donna intellettualmente onesta in Italia potrà dire di essere stata discriminata in quanto donna, non nei tempi recenti. Ci sono anche donne sceme, comunque, che magari non fanno carriera per quello. Ci sono donne capaci che fanno carriera. Poi ci sono donne capaci che non fanno carriera perché non è così importante per loro, perché hanno altri interessi (incredibile, ma ci sono anche persone, uomini e donne, che hanno altre priorità), o perché non sono disposte a immolare tutto sull’altare del lavoro. Poi ci sono donne che vorrebbero che venisse data loro la possibilità di modulare il loro impegno secondo fasi diverse, quando le esigenze della famiglia aumentano o diminuiscono, non perché qualcuno ci costringa, ma perché è questo che profondamente desiderano. (Un accenno al fatto che il gender gap sui salari non esiste: portatemi un contratto collettivo in cui sia scritto che a parità di lavoro le donne guadagnano meno degli uomini: non c’è; la contrattazione personale è un altro conto, ma se gli uomini sono più bravi a farsi pagare di più è perché sono più aggressivi nel chiedere e più concentrati sul lavoro).
Noto un certo nervosismo in merito, di recente, in giro: insulti alla mamma di undici figli, articoli pseudoscientifici che dicono che un figlio toglie alla mamma undici anni di vita (io sono praticamente morta, le mie amiche Chiara e Francesca sono sepolte da tempo, con i loro 11 e 12 figli) e che rovina il sonno dei genitori per sei anni, omuncoli che affermano le donne colte non possono desiderare molti figli (le mie amiche psichiatra, filosofa ed ematologa mamme di sei e sette devono avere comprato la laurea coi punti dell’ammorbidente), insomma un’insofferenza crescente verso tutto quello che parla di famiglia. Non solo le donne non devono essere costrette a fare le mamme, come sostengono le femministe, ma se vogliono farlo, soprattutto se di tanti figli, sono delle povere dementi. Una furia contro la persona umana che non si spiega: le manifestazioni contro il comune di Verona che ha stanziato aiuti alle mamme che preferiscono non abortire sono state incomprensibili. Ovviamente nessuno ha parlato (purtroppo, aggiungo) di chiudere i reparti in cui si fanno aborti: si voleva solo aiutare chi vi rinuncia. Apriti cielo. Non solo le donne devono poter abortire, ma se invece vogliono accogliere il bambino non vanno aiutate, per le femmine accecate dall’ira. Una furia contro gli obiettori di coscienza all’aborto che non è assolutamente spiegabile con i fatti concretamente avvenuti nel nostro paese: MAI nessuna donna in Italia con la 194 ha cercato di abortire e le è stato negato a causa di una carenza di medici. Mai. Perché dunque questa furia? Perché questo odio per la vita?
Perché Zingaretti ha fatto un bando dal quale erano esclusi i medici obiettori, quando questo non è mai stato realmente un problema in Italia, visti i 120 mila aborti fatti ogni anno a spese nostre? Perché la Cirinnà grida scomposta contro la manifestazione di Verona, che sarà semplicemente sulla bellezza del matrimonio, i diritti dei bambini, l’ecologia umana integrale, la donna nella storia, dando come sempre degli omofobi agli organizzatori, quando l’omosessualità non è proprio messa a tema in quei giorni? Perché i giornali rilanciano bufale (“il governo finanzia e patrocina la manifestazione di Verona”, “ci sono relatori favorevoli alla pena di morte per gli omosessuali”)? Chi viene offeso da questo annunciare la bellezza della famiglia?
Noi non diciamo che il gay pride non va fatto. Lo troviamo inutile, perché oggi non c’è niente di altrettanto tutelato dell’omosessualità. Però chi vuole lo faccia, la Boldrini e la Boschi facciano da madrine, viviamo in un paese libero. Un paese così gay friendly (e che odia così tanto i bambini) che l’Aifa è arrivata a far distribuire gratuitamente (quindi a spese nostre) i farmaci per la cosiddetta disforia di genere a degli adolescenti, mentre i disabili sono in quasi tutte le regioni itaiane a carico della loro famiglia, un carico enorme economicamente, emotivamente, organizzativamente, nel portare il quale le famiglie sono lasciate sole. Le lobby lgbt sono l’unica categoria protetta e intoccabile, altro che omofobia. Però organizzare una marcia pacifica per continuare a dire che la famiglia è bella è offensivo?
Non paghe di avere sparso tanto odio e tanta bruttezza attorno a sé, le femministe di senonoraquando propongono uno sciopero per l’8 marzo. Una delle forme suggerite è lo sciopero del sorriso per chi fa lavori di cura e di servizio, o di rapporto con clienti. E qui scadiamo nel grottesco. Se chi serve qualcuno – pazienti o clienti – lo fa senza sorriso, perde tutta la bellezza di quello che fa. Propongo invece di fare un contro sciopero domani, e di spargere sorrisi (magari se avete i denti dritti postate le vostre foto sui social) per annunciare al mondo che siamo felici di essere donne e uomini che danno la vita per gli altri, perché la vera grandezza è servire, ed è povero e triste solo chi vive per sé.

giovedì, marzo 07, 2019

L'eugenetica è soprattutto una negazione della Dichiarazione d'Indipendenza. Insiste sul fatto che, a differenza di tutti gli uomini nati uguali, un certo numero di loro non dovrebbe nascere affatto. 
(Chesterton, Illustrated London News, 20 Novembre 1915, dal blog Uomo Vivo)

mercoledì, marzo 06, 2019

La maledizione della bicicletta


martedì, marzo 05, 2019

Radio Maria: Tavola Rotonda - 03/03/2019


Qui trovate la registrazione della tavola rotonda sulle nuove leggi sull'aborto condotta da Rodolfo Casadei il 3 marzo.
A discutere di Stati Uniti ed Irlanda c'erano io e Raffaella Frullone.



lunedì, marzo 04, 2019

IL “NULLA” NEL NOME DELLA ROSA

In margine alla riproposizione televisiva del romanzo di Umberto Eco

Ebbene Rai TV – primo canale, quello un tempo democristiano e “cattolico” – ci ripropone in versione televisiva il romanzo di Umberto Eco più noto al grande pubblico, ossia “Il Nome della rosa”.
Recensendo l’evento sul suo blog personale, lo storico Franco Cardini, al quale mi legano rapporti di stima e personale amicizia, ha osservato, in ordine al romanzo, a suo giudizio troppo mal letto e troppo poco compreso: «Là, si snoda il tragico duello tra chi dai propri errori e dalla lezione della storia ha appreso l’umana pietà e chi cerca nell’Eterno la chiave dell’inflessibile Verità, che ignora il sorriso e condanna il perdono».
Comprendo, per parte mia, perfettamente cosa vuol dire lo storico fiorentino, che di Eco fu amico benché distante per quanto riguarda le rispettive posizioni di fede: cattolico praticante il primo; “cattolicissimo professore e polemista ateo innamorato della scolastica”, come lo definisce sempre Cardini con richiamo al giovanile integralismo cattolico-tomista, il secondo.
Cardini intende dire che spesso i cristiani, soprattutto se colti (san Francesco d’Assisi guardava alla cultura come ad una forma di potere che può portare al peccato di superbia), hanno presentato la Verità in modo talmente rigido da oscurare la Carità.
E’ vero, verissimo! La storia ecclesiale è piena di dispute tra scuole teologiche intorno a questioni di approccio filosofico alla Verità spesso condotte certo in insospettata libertà ma senza clemenza per gli avversari. Per non parlare – anche se sarebbe invece bene parlarne di più allo scopo di decostruire le tante leggende eccessivamente nere montate in proposito a discapito della verità storica – della prassi di “convincere” di Essa con metodi inquisitoriali.
L’inquisitore domenicano del romanzo, Bernardo Gui, è personaggio storicamente reale che nel suo trattato inquisitoriale ha lasciato scritto: «Il dolore induce a riflettere». Eppure non fu il mostro che spesso si dipinge, dato che, come da prassi inquisitoriale ecclesiale, il ricorso alla tortura era molto raro. Ci si limitava più spesso – il che era comunque una pressione psicologica – soltanto a mostrare all’imputato gli strumenti di essa. La tortura, del resto, non è stata una invenzione della Chiesa. La tortura è sempre esistita ed è stata praticata presso tutte le culture. Anzi, per l’appunto, la Chiesa fu molto moderata nel suo uso inquisitoriale laddove, al contrario, molto meno scrupoli si facevano le inquisizioni laiche sui malcapitati nemici politici del sovrano di turno.
Se è dunque vero che spesso i cristiani hanno dimenticato la Carità in nome della Verità, è pur altrettanto vero, tuttavia, che oggi accade il contrario e molti cristiani edulcorano o dimenticano la Verità in nome della Carità.
Ora, è per questo che Umberto Eco resta, a mio giudizio, una intelligenza che non ha saputo cogliere l’et-et sempre necessario. Forse per colpa del suo giovanile integralismo cattolico che appunto in nome della Verità dimenticava la Carità ed al quale egli ha, poi, reagito in modo inappropriato ossia rovesciando i termini del dilemma.
Eco, da giovane, in nell’età preconciliare, era considerato, all’interno dell’Azione Cattolica pacelliana, l’enfant prodige e la sicura promessa della cultura cattolica che, in quell’epoca, sovente sfoggiava toni trionfalistici, anche politici, nella convinzione che l’avversario andasse prima sottomesso e poi convertito. Era una cattolicesimo filosofico che non si accorgeva di aver ridotto, contro lo stesso Aquinate, il tomismo a un soffocante razionalismo, facile preda della critica neo-gnostica della Nouvelle Theologie franco-tedesca (Ranher e De Lubac) la quale, proprio in quegli anni, lo stava segretamente minando dalle fondamenta scavandogli sotto enormi gallerie sulle quali sarebbe crollato nella svolta antropologica del post-concilio. Una debacle del tomismo neoscolastico dell’epoca che, a mio giudizio, è stata provvidenziale avendo permesso allo stesso di liberarsi delle incrostazioni e sovrastrutture razionaliste e di ritrovare la sua originarietà grazie, soprattutto, all’opera di padre Cornelio Fabro).
Come cattolico, al di là degli umani errori di noi cristiani che restiamo comunque, alla pari degli altri, uomini fallibili nelle nostre scelte storiche, sento tuttavia necessario ribadire che non è con il nominalismo che si risolve il dramma umano. Perché l’essenza della rosa non è il suo nome come il Nome di Dio non è l’Essenza di Dio ma soltanto il veicolo del suo rivelarsi e manifestarsi.
Insomma abbandonare Tommaso d’Aquino per Guglielmo di Ockham, anche se travestito da Sherlock Holmes (nel romanzo Guglielmo di Baskerville),  non è la strada che salva, dato che dietro la disputa sugli “universalia” si nasconde la scelta del cuore umano tra Cielo e terra, Eterno e temporale, Pienezza e nulla. Laddove la terra ed il temporale non hanno più collegamenti vitali – sacramentali – con il Cielo e l’Eterno, l’umanità perde la Pienezza ed il Senso e precipita nel nulla e nel non-senso.
Ed infatti il mondo a partire dal XIV secolo, quello nel quale è ambientato il romanzo di Umberto Eco, è molto progressivamente peggiorato, sotto il profilo spirituale, e se oggi l’Occidente naufraga nel nichilismo forse dovremmo cercarne le cause anche nel nominalismo nel quale era già insito tutto il “nulla”, tutta la leggerezza dell’essere, che giustifica l’animalizzazione dell’umano alla quale siamo ormai, purtroppo, fin troppo avvezzi.
Voglio dire che Umberto Eco, certamente una intelligenza alta e tormentata, non ha affatto migliorato il mondo e, forse, al di là delle sue intenzioni, lo ha profondamente peggiorato.
Una cosa è dire non dimenticate la Carità, altra è dire non esiste la Verità.
Negando esistenza e cittadinanza alla Verità si aprono autostrade larghissime al capitale, alla finanza, alla globalizzazione che oggi, a distanza di qualche decennio dalla pubblicazione del romanzo di Eco, stanno mettendo più che mai in croce il terzo mondo e le classi più deboli dell’Occidente. Potere, Usura e Lussuria – per dirla con Thomas Stearn Eliot – vincono, senza più limitazioni, intralci e condizionamenti, laddove la Verità viene oscurata.
Un bel risultato per chi si diceva di sinistra!
D’altro canto, è vero!, stiamo oggi assistendo ad una reazione “cattivista”, eguale e contraria, che rischia di coinvolgere anche molti cristiani. Ho visto, di recente, in televisione le celebrazioni di una festa nazionale polacca in pompa magna con tanto di governo e sfilata militare. Seguivano con canti, fiaccole e bandiere anche i militanti delle forze sovraniste polacche e di alcune delegazioni straniere come la nostra Forza Nuova. Venivano innalzate effigi di Cristo Re e scanditi slogan sì contro il globalismo ma perché esso porta gli immigrati ed i mussulmani. Nulla contro la finanza apolide. Nulla contro il Capitale transnazionale.
Intanto Giorgia Meloni va in America per incontrare Donald Trump in nome del (neo)conservatorismo. Ma già in precedenza Matteo Salvini si era esibito in performance di sostegno all’“unica democrazia” del Vicino Oriente. Peccato che si tratti di una democrazia nucleare ed alleata dei Sauditi foraggiatori dei salafiti che tagliano le gole dei cristiani orientali.
Questa è la deriva plebea e volgare del sano identitarismo. Una deriva che stravolge anche lo Spirito che è Verità ed insieme Carità, perché, come dice l’apostolo Giovanni, “Dio è Amore”.
Un ultimo appunto. Umberto Eco era ossessionato dal “fascismo eterno” e, come ricorda Cardini nella sua recensione, per Jorge Luis Borges – il poeta argentino, che nel romanzo ha la sua controfigura nel “Santo Satana” benedettino Jorge de Burgos, cieco come il modello reale –   provava insieme ammirazione ed avversione. Per Eco Borges, con il suo esoterismo, ha incarnato la quintessenza della cultura reazionaria del XX secolo. Anche qui però i conti non tornano ed Eco li ha evidentemente sbagliati.
Infatti il “fascismo eterno” se lo è inventato lui e non è mai esistito. Per due ovvi motivi, ben noti agli storici e ai filosofi politici. Il primo è che è esistito solo il fascismo storico, il secondo è che esso non è stato affatto reazionario. Perché il fascismo, al di là dei suoi compromessi con le forze di destra, è stato uno dei rami dell’albero socialista. E poi Borges reazionario? Sarà pure, ma Borges era un esoterista, uno gnostico, che coltivava un visionarismo a mezza strada tra una mistica olista e panteista ed un onirismo da psicologia del profondo. La cultura esoterica può anche essere etichettata come reazionaria ma poi bisogna indagare a fondo quanto, ed è tanto!, di essa nutre le radici del laicismo, del razionalismo, dell’illuminismo. Insomma della modernità anticristiana.


Luigi Copertino

domenica, marzo 03, 2019

Il caso Pell è il nuovo caso Dreyfus.

La vergogna è di chi si volta dall’altra parte
Una campagna anticattolica travestita da lotta agli abusi. Nel silenzio di tutti.
(Giuliano Ferrara - Il Foglio, 28 Febbraio 2019)
Image may contain: one or more people and text

Contro il capitano Dreyfus un secolo fa si scatenò l’inferno, e lui finì all’inferno, perché attraverso di lui volevano combattere la sua razza, il cosmopolitismo delle élite, l’antimilitarismo. Contro il cardinale George Pell oggi si è scatenato l’inferno, e lui rischia di finire all’inferno, perché attraverso di lui il pensiero unico dominante vuole mettere in ginocchio la chiesa cattolica e la sua morale considerate l’ultima remora o contraddizione potenziale all’omologazione universale al nuovo credo scristianizzato del sesso, della riproduzione, della famiglia e del gender senza Dio né legge.
Alfred Dreyfus era un capitano ebreo dell’esercito francese. Fu arrestato per spionaggio nel 1894, condannato all’ergastolo e degradato e inviato a scontare la pena all’Isola del Diavolo, nella Guyana francese. La condanna scatenò feroci passioni: un fronte trasversale all’insegna dei diritti umani universali proclamò la sua innocenza, mentre una vasta convergenza patriottarda, antisemita e militarista si batté con rabbia per la conferma della sua condanna. Nel 1899 Dreyfus si vide cassata la sentenza con rinvio a un nuovo processo della corte militare, fu di nuovo condannato l’anno stesso, malgrado l’evidenza delle prove a carico del vero colpevole di spionaggio, e dieci giorni dopo la nuova condanna a dieci anni fu graziato dal presidente della Repubblica, per essere infine riabilitato sotto Clemenceau alla vigilia della Prima guerra mondiale. Maurras, il fondatore dell’Action Française, chiamò “falsi, sì, ma patriottici” i documenti d’accusa, e di questo scandalo tra i due secoli si disse che gli antidreyfusardi, tra i quali anche le frange estreme della sinistra comunarda, colpivano nel capitano la sua razza, il cosmopolitismo delle élite radicali e degli intellettuali dreyfusardi, nel dramma di un nazionalismo e bellicismo frustrati dalla perdita dell’Alsazia e della Lorena a vantaggio della Germania nel 1870.
Un caso analogo è quello del cardinale George Pell, australiano, fino a ieri numero tre della chiesa cattolica, condannato dalla Corte dello stato di Victoria per atti di pedofilia violenta, incarcerato in attesa che sia fissata la pena e in vista di un processo d’appello. Le cose che abbiamo riferite qui ieri e i documenti intorno al processo che pubblichiamo dimostrano che, sebbene in un clima persecutorio infame, segnato da una aggressiva tendenza colpevolista a ogni costo di parte immensa dell’opinione pubblica mondiale e dei media, qualche dubbio, almeno nella lontana Australia, comincia a farsi largo, malgrado una piccola folla urlante abbia gridato all’imputato che “marcirà all’inferno” e i media di tutto il mondo, a ogni latitudine, facciano coro con rarissime eccezioni nella crociata anticristiana.
La parte decisiva del processo a Pell, per un caso di ventitré anni fa, si è svolta con l’interrogatorio a porte chiuse di un trentenne denunciante il cui nome non verrà mai reso noto, per l’opinione internazionale e per il pubblico un accusatore anonimo. La prima giuria convocata nell’agosto dell’anno scorso ha confessato, con alcuni giurati in lagrime, di non poter emettere alcun verdetto. Il retrial o ri-processo, con una giuria convocata ad hoc, ha stabilito, sulla base di una sola testimonianza d’accusa non suffragata dal benché minimo riscontro testimoniale, che il vecchio cardinale e braccio destro del Papa, politicamente scorretto, conservatore, burbero, ambizioso e potente, è colpevole al di là di ogni ragionevole dubbio di una violenza in una sagrestia a porte aperte subito dopo la processione e la messa domenicale, la sua prima da vescovo di Melbourne, in una finestra temporale instabile ma non superiore ai cinque-sei minuti per la commissione del delitto. Fino a cinquanta anni di galera possibili. Un secondo presunto abusato era morto di eroina nel 2014, un anno prima che il ragazzino tredicenne del coro, ormai trentenne, si decidesse a denunciare il misfatto al riparo della privacy e nello strepito del crucifige di un movimento attivistico incandescente in Australia e nel mondo; e fino alla morte l’altra vittima ha sempre negato che sia accaduto alcunché, rispondendo di “no” alla madre che gli domandava se fosse successo qualcosa (ora la famiglia chiederà un risarcimento alla chiesa, ora dice di aver capito la ragione delle sofferenze e della morte tossica del ragazzo).
Una parte della classe dirigente australiana, che ha convissuto nella vita pubblica con il cardinale Pell e lo ha conosciuto bene in via privata, si dice esterrefatta dalle risultanze giudiziarie, in totale contrasto con l’identità percepita, un uomo intelligente e di carattere, dell’alto prelato (gli ex premier John Howard, Tony Abbott). Si ascoltano voci garantiste e innocentiste anche fra commentatori laici, fuori della chiesa, in particolare nel gruppo editoriale Murdoch. Il Papa ha fatto fatica per incredulità a prendere le misure graduali, ma automatiche nel nuovo costume e regime di curia, che hanno allontanato Pell dalle sue immense responsabilità nel governo della chiesa, dove era stato chiamato da Bergoglio – nonostante campagne già in atto contro di lui – come ministro del Tesoro, e per misure estreme aspetta l’appello, che sarà deciso, immaginiamo in mezzo a quali pressioni ambientali, da una giuria togata di tre persone. Forse intorno a questo processo, che ha tutta l’apparenza di una spietata caccia alle streghe, può cominciare a cambiare qualcosa nella mentalità con cui si guarda a queste vicende drammatiche. Nel mondo non ci sono solo giornalisti conformisti, o pavidi, e facinorosi moralizzatori del mondo cattolico progressista cosiddetto che guardano con sadico compiacimento l’inabissamento nello scandalo e nella “vergogna” (“Pedofilia: la vergogna del cardinale”, titolo vergognoso di Repubblica ieri) di un principe della chiesa giudicato intellettualmente e caratterialmente intrattabile, e che sarebbe stato chiamato in rappresentanza della minoranza da Francesco a Roma, a loro grottesco e fazioso giudizio (sullo sfondo sempre l’insinuazione che tutto il marcio debba farsi risalire a Giovanni Paolo II e a Ratzinger).
Da vent’anni, praticamente in solitario (il che dovrebbe essere una circostanza sospetta per chiunque abbia una visione liberale e garantista del diritto nel suo rapporto con i media e l’opinione pubblica), qui nel Foglio sosteniamo che è in atto una campagna ferocemente anticattolica travestita da lotta al lupo clericale, al prete abusatore e al vescovo che lo copre.
Per farlo non abbiamo bisogno di negare gli abusi, che ci sono stati e in una misura non indifferente, in parallelo con la sordità etica di un mondo pansessualista verso l’integrità dei bambini anche e sopra tutto fuori delle mura della chiesa. Ci basta discernere, comprendere i modi e i timbri antigiuridici, ideologici, del gigantesco ricatto scristianizzatore e anticattolico condotto da grande stampa, organismi giudiziari e ad hoc, commissioni, comitati attivistici che parlano in nome delle vittime e dei poderosi risarcimenti, governi: attraverso i preti, con una azione di generalizzazione ricattatoria che trasforma il clero in una vasta orda di orchi nelle mani di una ossessione satanica per gli agnelli, i nuovi antidreyfusardi vogliono colpire un’istituzione bimillenaria invecchiata, tragicamente incerta tra la sua tradizione e l’aggiornamento mondano, smantellando alcuni suoi caposaldi come il celibato, la cura d’anime, l’indipendenza del culto e della sua amministrazione da parte del clero consacrato, il celibato, il sacramento della confessione segreta, l’esclusione delle donne dall’ordinazione, la morale sessuale, la sua autorità di cultura e umanità, la fiducia dei fedeli, la sua gerarchia a partire dal vescovo di Roma, il Papa.
La chiesa cattolica non ha saputo o potuto reagire, si è affidata com’è nella sua natura a uno spirito di resa, prima di tutto alle leggi della provvidenza divina, mediante espiazione e preghiera, poi alle leggi dell’omologazione al mondo: un vecchio Papa antirelativista e antimoderno, Benedetto XVI, ha rinunciato al Soglio di Pietro con un gesto inaudito per secoli, spettacolare e amarissimo, esito e origine di una delegittimazione profonda dell’istituzione; un nuovo Papa, per la prima volta un gesuita, ha cercato di contrastare il fenomeno in una logica progressiva di adattamento alle sue leggi e di resa ai Diktat moralistici del secolo, con risultati grotteschi, fino all’autoflagellazione sinodale e alla prosternazione della chiesa in ginocchio davanti all’autorità inquisitoria della stampa e dei media. Oggi la chiesa di Papa Francesco è messa così: i tradizionalisti antibergogliani lo accusano di subire le pressioni di una vasta lobby gay dell’immoralismo interessato e omertoso (ultimi i cardinali Brandmüller e Burke in una lettera alla vigilia del convegno sinodale recente); gli Lgbt definiscono “Sodoma” il Vaticano e il clero cattolico, rilanciano sul mercato il sospetto generalizzato sui “comportamenti dell’80 per cento dei preti”, per dimostrare che la sessuofobia antigay è il prodotto o il riflesso della sessuomania predatoria sui più piccoli e vulnerabili, e che per superare il segreto criminale la chiesa ha bisogno di un colossale coming out; proliferano dovunque nel mondo indagini e accuse le più varie, estese su decenni e decenni, arrivate a toccare migliaia e migliaia di preti, decine di vescovi e molti cardinali con imputazioni che dannano generazioni di ministri ordinati e il modo di essere della gerarchia e della gestione del clero, su su fino alla curia romana e al Papa stesso, con il caso del suo confessore accusato di pedofilia, il vescovo di Orán Gustavo Oscar Zanchetta (in Belgio, prima della Renuntiatio di Ratzinger, l’intera conferenza episcopale fu messa ai domiciliari per una intera giornata, e la polizia giudiziaria procedette allo scavo nelle tombe di cardinali come Leo Suenens, uno di padri del Concilio Vaticano II, allo scopo dichiarato di trovare prove di abusi ivi sepolte).
In questa storia gotica e noir, dove un mondo che predica e pratica in tutto il suo luccicante splendore di cultura e di mercato gay culture e gender culture, salvo mescolare fede e perversione mettendole in carico come speciale patologia al clero cattolico, suo magnifico caprone espiatorio, l’impressione è di una chiesa boccheggiante. Per i credenti, si può dire che è affar loro e della fede nella divina provvidenza; ma per i non credenti e i laici extra muros, per chi ha un amore anche vago per il diritto eguale e per una conoscenza non pregiudiziale e oggettiva della realtà storica, il dipanarsi impunito da decenni di un’orchestrazione d’accusa generalizzante, inquinante, ai danni di una cosa preziosa come la chiesa cattolica, testimone e contraddittore del mondo e delle sue parzialità, dovrebbe essere uno stimolo per conoscere, per interessarsi, per contro-accusare e sceverare il vero dal falso. Non per voltarsi dall’altra parte e plaudire alla condanna universale senza contraddittorio, come fecero i peggiori antidreyfusardi, con conseguenze che macchiarono di orgoglio luciferino tutto il Novecento.