giovedì, dicembre 31, 2009

RIP Card. Daly



E' morto a 92 anni il card. Daly, già primate d'Irlanda, un uomo che ha fatto tanto per la pace nel nord.
A 79 anni aveva abbandonato per ragioni d'età l'attività pastorale ed era tornato ad occuparsi di filosofia. Ogni tanto lo incontravo in occasione di qualche conferenza. Era una persona amabile.
Lo scorso marzo partecipò alle celebrazioni dell'ottantesimo compleanno di Alasdair MacIntyre che abbiamo ospitato a UCD e un giorno a pranzo capitammo l'uno a fianco dell'altro. In quell'occasione gli chiesi del Vaticano II, al quale aveva partecipato come perito. Ci raccontò simpatici aneddoti, riguardanti in particolare il card. Suenens.
Per MacIntyre scrisse queste belle parole di incoraggiamento.
Che Dio lo faccia riposare nella Sua pace.


Cathedra Sempiterna

Cathedra Sempiterna: "

As we bid farewell to 2009, what greater comfort can we have than knowing that as we look upon this new year and decade, that Our Lord and His Rock are by our side. It seems to me a fitting time that I have just completed Jaki's longest book - Newman to Converts - a work among father's best, which truly lives up to its billing as a 'theological blockbuster' and serves as an excellent introduction to Newman and father's works on him.
.
In a recent conversation with friends I asked, Who is Peter? And why should we listen to what he has to say? Well, gather around and listen to John Henry Newman provide the answer:

~ Jakian Thomist


Deeply do I feel, ever will I protest, for I can appeal to the ample testimony of history to bear me out, that, in questions of right and wrong, there is nothing really strong in the whole world, nothing decisive and operative, but the voice of him, to whom have been committed the keys of the kingdom and the oversight of Christ's flock. The voice of Peter is now, as it ever has been, a real authority, infallible when it teaches, prosperous when it commands, ever taking the lead wisely and distinctly in its own province, adding certainty to what is probable, and persuasion to what is certain. Before it speaks, the most saintly may mistake; and after it has spoken, the most gifted must obey.

Peter is no recluse, no abstracted student, no dreamer about the past, no doter upon the dead and gone, no projector of the visionary. Peter for eighteen hundred years has lived in the world; he has seen all fortunes, he has encountered all adversaries, he has shaped himself for all emergencies. If there ever was a power on earth who had an eye for the times, who confined himself to the practicable, and has been happy in his anticipations, such is he in the history of ages who sits from generation to generation in the Chair of the Apostles, as the Vicar of Christ and Doctor of His Church.

It was said by an old philosopher, who declined to reply to an emperor's arguments, 'It is not safe controverting with the master of twenty legions.' What Augustus had in the temporal order, that, and much more, has Peter in the spiritual. When was he ever unequal to the occasion? When has he not risen with the crisis? What dangers have ever daunted him? What sophistry foiled him? What uncertainties misled him? When did ever any power go to war with Peter, material or moral, civilised or savage, and got the better? When did the whole world ever band together against him solitary, and not find him too many for it?

All who take part with Peter are on the winning side. The Apostle of Christ says not in order to unsay; for he has inherited that word which is with power.

Excerpt from J.H. Newman Cathedra Sempiterna (1853)
Reprinted in full p.509-511 Appendix to Newman to Converts: An Existential Ecclesiology.
"

2009: Philosophers Who Died

2009: Philosophers Who Died: "Here are the philosophers whose passing in 2009 was noted on the blog: William Alston, Brian Barry, Myles Brand, G.A. Cohen, Marjorie Grene, Leszek Kolakowski, Neil MacCormick, Edward Mahoney, Benson Mates, Julius Moravcsik, Arne Naess, David Pears, John L. Pollock,..."

Preghiera del 31 dicembre 2009 [Preghiera]

Preghiera del 31 dicembre 2009 [Preghiera]: "

San Silvestro, sei tornato troppo presto.



"

martedì, dicembre 29, 2009

12 days of Christmas and more ...

mercoledì, dicembre 23, 2009

Philosophical survey

Philosophical survey: "

Scusi: ma lei è realista o idealista? Platonista o nominalista? Pensa che la bellezza sia oggettiva o soggettiva? Che la libertà sia compatibile con il determinismo o che sia incompatibile? Non è probabilmente questo il tipo di domande cui vi capita di rispondere quando vi sottoponete a un sondaggio; a meno che, naturalmente, non siate filosofi professionali. Ma qualcuno le ha mai poste ai filosofi queste domande? Vero è che se le pongono da soli, e vi rispondono con argomenti e teorie filosofiche; ma è curioso che solo nel 2009 si sia pensato di indagare che cosa pensa la comunità filosofica dei principali temi che interessano alla professione. Il sondaggio è stato proposto da David Chalmers (l’autore de La mente cosciente) e David Bourget, i curatori dell’utilissimo sito PhilPapers di risorse online per la filosofia. Hanno risposto 3226 filosofi, quasi metà attivi negli Stati Uniti, per metà detentori di un PhD o insegnanti universitari, un terzo dei quali specializzati nello zoccolo duro della filosofia (filosofia della mente, del linguaggio, metafisica, epistemologia), per cinque sesti maschi, e relativamente giovani. Quasi 2500 gli analitici, un po’ più di 300 i continentali. Che cosa risulta? Che i filosofi sono realisti (81%) più che idealisti o scettici, si dividono in parti quasi uguali sulla questione degli universali, tendono a considerare oggettivi i valori estetici, e pensano maggioritariamente che la libertà sia compatibile con il determinismo. È però soprattutto interessante osservare che i filosofi pensano che i loro colleghi abbiano idee assai diverse da quelle che in effetti hanno. Anche se meno filosofi (727) hanno risposto al metasondaggio, che si interrogava sulla rappresentazione che i filosofi hanno della loro comunità, i risultati mostrano una strana distonia rispetto alle prese di posizione effettive. I filosofi interrogati pensano che i loro colleghi siano più idealisti, meno inclini al realismo scientifico, e più disposti a sostenere che non vi sono vere leggi di natura, di quanto in fin dei conti sono. È come se la professione filosofica veda se stessa come portatrice di una visione della realtà più soft, forse più filosoficamente stereotipata di quella che poi i singoli individui sono disposti ad accettare. Anche su domande più specifiche della discussione contemporanea (per esempio l’effetto trolley: cinque persone verranno travolte dal tram, a meno che tu non azioni uno scambio e lo devii su una linea morta uccidendo una sola persona: azioni lo scambio o no?) i filosofi pensano che i loro colleghi siano diversamente morali: quasi il settanta per cento azionerebbe lo scambio, ma la comunità pensa che solo il sessanta per cento risponderebbe così.


L’esercizio di Chalmers e Bourget appartiene alla sociologia delle professioni intellettuali. Nelle intenzioni degli autori era importante trovare un modo operativo di definire il “consenso” in filosofia, la “visione accettata” che fa da sfondo alle discussioni teoriche. È interessante vedere come non solo non ci siano visioni accettate, ma come i filosofi si sbaglino a volte in modo notevole riguardo al senso comune filosofico.

"

martedì, dicembre 22, 2009

Catena Aurea from Baronius Press

Catena Aurea from Baronius Press: "Baronius Press have published a newly typeset edition in four volumes of St Thomas Aquinas' Catena Aurea, as translated into English by the Venerable John Henry Newman. I was very excited to receive a copy of this recently.

'Catena Aurea' means 'golden chain' and the work consists of a running commentary on the four gospels, taken from the Fathers of the Church. It thus provides a sure guide to the spiritual sense of the gospels and the apostolic tradition in relation to their interpretation.

The intrinsic quality of the work is remarkable: the theological genius of St Thomas Aquinas is applied to the selection of quotations from the Fathers, and summaries of their teaching. He was commissioned to compile the commentary by Pope Urban IV. There could scarcely be a better translator than Newman, a highly competent classicist in his own right, and a master of the use of the English language.

In his preface to the 1941 edition, Newman wrote:
[...] it is impossible to read the Catena of S. Thomas, without being struck with the masterly and architectonic skill with which it is put together. A learning of the highest kind, — not a mere literary book-knowledge, which might have supplied the place of indexes and tables in ages destitute of those helps, and when every thing was to be read in unarranged and fragmentary MSS. — but a thorough acquaintance with the whole range of ecclesiastical antiquity, so as to be able to bring the substance of all that had been written on any point to bear upon the text which involved it—a familiarity with the style of each writer, so as to compress into few words the pith of a whole page, and a power of clear and orderly arrangement in this mass of knowledge, are qualities which make this Catena perhaps nearly perfect as a conspectus of Patristic interpretation. Other compilations exhibit research, industry, learning; but this, though a mere compilation, evinces a masterly command over the whole subject of Theology.
Although the text has been entirely reset, Baronius have take great care to ensure that the new edition is in continuity with the original edition published by John Henry Parker (Oxford) & J. G. F. and J. Rivington (London) in 1941. They have followed the page numbers of the older edition so that page references may be easily found, and have reproduced the typographical character of the original. The four volumes are leather bound, with two ribbon markers for each volume, gold blocking and marbled endpapers. This is a beautiful and high quality set. It would make a welcome gift for a priest or seminarian, and a fine addition to any home as a guide to the text of the gospels.

Available direct from Baronius Press at £89.95 ($139.95 in the USA.)
"

lunedì, dicembre 21, 2009

Dialoghi

Il numero 3 (settembre 2009) di Dialoghi, rivista di approfondimento culturale dell'Azione Cattolica Italiana, contiene un mio articolo su Newman.

domenica, dicembre 20, 2009

Biological Size Comparisons

Biological Size Comparisons: "

This interesting online tool helps you to easily image the size differences between various biological objects, from a single carbon atom, to a virus, to bacteria and human cells. Go here, and slide the bar at the bottom to zoom in and out.


"

sabato, dicembre 19, 2009

Newman sull'onda dei ricordi. Un silenzioso e gentile compagno di viaggio

È appena uscito il volume Newman, ossia: "i Padri mi fecero cattolico". Un profilo (Milano, Jaca Book, 2009, pagine 111, euro 12). Ne pubblichiamo l'inizio.


di Inos Biffi
Ora che si è fatto sera ed è giunto il tempo di sciogliere le vele, mi ritrovo, tra i più cari e assidui compagni di viaggio, prima di passare all'altra riva, il cardinale John Henry Newman, soprattutto con i suoi Parochial and Plain Sermons, i suoi Sketches, con i mirabili profili dei Padri, e le Prayers, Verses and Devotions.
Risalendo l'onda dei ricordi, rintraccio il mio primo incontro con lui negli anni del liceo nel seminario di Venegono, credo nella primavera del 1952. A presentare a noi studenti, poco più che quindicenni, la figura del prestigioso iniziatore del movimento di Oxford fu il rettore Giovanni Colombo, durante le impareggiabili conferenze, che egli ci teneva il tardo pomeriggio delle domeniche, prima di cena, e che noi studenti aspettavamo con impazienza.
Erano incontri informativi e soprattutto formativi: una meraviglia di intuito e di finezza educativa, teorica e pratica. Ci insegnava come redigere una lettera, come stare a tavola, come usare le posate e i tovaglioli, come mangiare le ciliegie e i kaki, che egli però chiamava "globi d'oro", e noi pensavamo che la suggestiva immagine fosse sua; in realtà più tardi venni a scoprire che essa si trovava in una poesia di Ada Negri.
Per quegli incontri il rettore leggeva e commentava degli appunti scritti su quaderni di scuola, dalla copertina nera. Quanto avrei desiderato allora di poterli avere tra mano e leggerli direttamente! Ne immaginavo il valore inestimabile. Mi sembravano scrigni preziosi, in cui erano custodite le cose meravigliose che ci veniva dicendo.
Quel desiderio si compì molti anni dopo, quando potei disporre di quei quaderni, riguardo ai quali credo di aver concorso alla loro conservazione. Ne parlai rispettosamente con il cardinale, riuscendo in qualche misura a convincerlo di non distruggerli, ma di lasciarne erede il suo segretario monsignor Francantonio Bernasconi. Dopo averli esaminati, sono persuaso che quei quaderni, diligentemente trascritti e studiati con attenzione, sarebbero una fonte incomparabile per la conoscenza e l'interpretazione della singolare figura di Giovanni Colombo, dell'altezza del suo ingegno e della profondità della sua esperienza spirituale e della laboriosità della sua vita intellettuale.
Con l'incanto della sua parola egli ci leggeva e commentava in particolare la poesia Lead, kindly Light (Guidami, Luce benigna), composta da Newman alle Bocche di Bonifacio, di ritorno dal viaggio nel Mediterraneo, dove ricorre il verso, sul quale Colombo amava soffermarsi: "Non chiedo di vedere l'orizzonte lontano, un solo passo basta per me".
Ci richiamava allora l'enigmatica affermazione che Newman ripeteva durante la malattia in Sicilia: "Io non ho peccato contro la Luce", intrattenendosi a spiegarci il significato del peccato "contro la Luce". Mi dilettavo particolarmente in quegli anni del delizioso saggio di Newman, edito nel 1950 nella collana "I Fuochi" della Morcelliana, dal titolo Malato in Sicilia, a cura di Giuseppe De Luca, del quale avrei in seguito gustato i bellissimi articoli e le brillanti versioni di testi di Newman pubblicati in un denso volume del 1975.
E sempre durante i corsi liceali il rettore Colombo non si lasciava, poi, sfuggire occasione per comunicarci alcuni pensieri di Newman, che gli erano specialmente cari, come quello sul gentiluomo - colui che non crea mai disagio al prossimo - o sulle mille difficoltà che non fanno un dubbio, o sulle certezze concrete ferme e inconfutabili, simili a funi resistentissime, che, formate dall'intreccio di singoli fili in sé estremamente fragili, non si lasciano spezzare.


(©L'Osservatore Romano - 17 dicembre 2009)

venerdì, dicembre 18, 2009

Sindone

Ricevo dall'amico Luigi Copertino e pubblico volentieri.

PREMESSA.
E’ del 16 dicembre scorso la notizia, immediatamente strombazzata su tutti i media, del ritrovamento di un lenzuolo funerario in una tomba a Gerusalemme dei tempi di Cristo e che sarebbe dissimile nella tessitura dalla Sindone. Quest’ultima molto complessa, a “spina di pesce”, mentre il lenzuolo ora ritrovato è di una fattura assolutamente semplice. La conclusione, appunto subito strombazzata dai giornali e tv di tutto il mondo, è che, stando al ricercatore dell’Università Ebraica di Gerusalemme che ha scoperto il lenzuolo i questione, questo dimostrerebbe che la Sindone sarebbe un falso. Naturalmente le cose non stanno affatto così. Al fine di controbilanciare certi presunti scoop archeologici giornalistici (che – guarda caso – arrivano sempre a ridosso di qualche fondamentale festa cristiana: di solito il Natale o Pasqua. Senza poi contare, nel caso di specie, l’annunciata esposizione del Sacro Telo nella prossima primavera) abbiamo trascritto per amici e lettori i seguenti brani che attestano delle prove inoppugnabili circa la provenienza mediorientale e palestinese della Sindone e della sua corrispondenza ai metodi di fabbricazione usati nella Palestina ai tempi di Cristo nonché sulle scritte in aramaico che si intravvedono sul tessuto sindonico.

TESSUTO DELLA SINDONE
E’ una stoffa di lino a spina di pesce, panno fine, di pregiata qualità, ingiallito dai secoli. Non si conosce nessun tessuto antico che presenti tutte le sue caratteristiche, ma tutte le sue caratteristiche sono quelle proprie dei tessuti antichi. Si tratta, secondo l’esperto Gabriel Vial, di una stoffa a spina di pesce (saja), ovvero formante strisce longitudinale simultanee, abbastanza irregolari, di circa 11 mm l’una, con una composizione di ca. 40 fili per cm nell’ordito e di ca 27 inserzioni per cm nella trama. La tela fu probabilmente tessuta con un telaio a pedali molto usato nel Medio Oriente. Le sabbie del deserto egiziano hanno conservato lenzuola di lino risalenti talvolta a diversi millenni orsono, anche se nessuna di esse è a spina di pesce. Solo a Palmira, una città siriaca distrutta nel 272 d. C., sono state rinvenute delle saje come quella della Sindone, ma di seta.
L’esame dei fili tessuti, di grandezza irregolare, reca un’interessante indicazione. Mentre la fibra del lino si ritorce spontaneamente seccando a forma di S, le fibre della Sindone presentano una ritorsione a forma di Z, il che farebbe pensare che sia stata tessuta da una filatura a due fusi tipica dell’Antico Egitto e, probabilmente, delle regioni vicine, poiché si trovano fili a ritorsione a Z anche nel deserto della Giudea e a Palmira. Ray Rogers ha inoltre osservato che il lino della Sindone non fu sbiancato se non dopo la tessitura mentre, a partire dal secolo VIII d. C., i fili venivano sbiancati precedentemente.
Gilbert Raes, esaminando il campione prelevato nel 1973, ha scoperto fibre di cotone mescolate ai fili di lino ed è giunto alla conclusione che questo cotone appartenga alla specie Gossupium Herbaceum coltivato nel Medio Oriente. La presenza di queste fibre deriverebbe dal fatto che diversi fili tessili venivano tessuti su medesimi telai. Questa scoperta è molto importante per stabilire la datazione e l’origine della Sindone: se infatti l’Europa ha conosciuto molto presto il cotone, lo ha tessuto soltanto in epoca tarda: nella Spagna moresca, forse dall’VIII secolo, mentre nel resto dell’Europa solo a partire dal XVII secolo. In compenso Raes non ha trovato alcuna traccia di fibre di lana. E’ questo un altro dato importante, perché se è vero che i telai utilizzati per il lino ed il cotone servivano anche per tessere la lana, questo non poteva avvenire in Giudea, dove la legge religiosa obbligava ad utilizzare telai diversi per le fibre vegetali e quelle animali. Si hanno dunque numerosi motivi per pensare che la Sindone sia stata tessuta in Giudea. Sulla base dei dati certi, si può concludere che la Sindone sia un panno di lino fabbricato nell’antichità e nel Medio Oriente, dove ha anche soggiornato, come dimostra l’esame dei pollini e delle polveri.
Da Daniel Raffard de Brienne “Dizionario della Sindone”, Elledici Effatà Editrice, 1998, pp. 99-100 (l’intero testo è disponibile alla lettura su Google libri cliccando in cerca nei libri il nome dell’autore ed titolo dell’opera oppure la frase “tessuto della Sindone”)


SINDONE
LA SCRITTA IN ARAMAICO CONTRIBUISCE ALLA DATAZIONE
"Nel complesso panorama degli studi scientifici condotti sulla Sindone di Torino, una delle scoperte più recenti riguarda una scritta che rimanda all'aramaico dei tempi di Cristo e che dunque, se ciò venisse confermato, potrebbe contribuire alla controversa questione della datazione del telo sindonico".
Lo afferma la Radio Vaticana che sottolinea come la scoperta - ad opera dello scienziato francese Thierry Castex - abbia "suscitato scalpore e dibattiti".
In proposito, l'emittente intervista Barbara Frale, ricercatrice dell'Archivio Segreto Vaticano, che ne accenna nel suo libro "I Templari e la Sindone di Cristo" e approfondirà la questione in un ulteriore volume sulla Sindone che uscirà in autunno ugualmente per "Il Mulino".
"Non è la prima volta - chiarisce la studiosa - che qualcuno scopre la presenza di scritte in aramaico sul tessuto della Sindone.
Il primo a vederle è stato un professore di latino dell'Università Cattolica di Milano nel 1978.
Poi, nel 1989, altri caratteri ebraici furono trovati stavolta da un ebraista, il prof. Messina". Questi caratteri formavano la scritta frammentaria "Il re dei Giudei" e dunque si riferiscono all'accusa con cui Gesù fu denunciato a Pilato.
La scritta trovata di recente da Thierry Castex dice letteralmente "trovato" e c'è una parola vicina, che è ancora da chiarire, ma che può significare nell'insieme "perché trovato" oppure "noi abbiamo trovato".
"La cosa interessante -rileva la Frale- è che questa frase, in realtà, può essere accostata ad un passo del Vangelo di Luca, durante il quale lo stesso Luca riferisce il motivo con cui Gesù fu accusato e portato davanti al governatore romano: Abbiamo trovato quest'uomo che sobillava il popolo, si diceva il Cristo Re, e impediva di pagare il tributo a Cesare'".
Quanto al modo nel quale questa scritta è finita sul telo sindonico, la ricercatrice ipotizza che "trattandosi di un uomo processato e condannato a morte, qualche documento doveva essere per forza prodotto ed applicato a questa salma. Si tenga presente che il morto, una volta completamente avvolto nel sudario - come voleva la tradizione ebraica dell'epoca - non poteva più essere riconosciuto. Se qualcuno avesse avuto bisogno, per qualsiasi motivo, di riconoscere il defunto, avrebbe dovuto necessariamente metter fuori delle scritte". (AGI; 2009)


LA SINDONE E’ AUTENTICA
La Sindone proviene dalla Palestina dell’epoca di Cristo.
I suoi fili furono filati a mano con la torcitura “Z”, diffusa nell’area siro-palestinese all’epoca di Cristo. L’intreccio del tessuto, che è a “spina di pesce”, è riconducibile ad un rudimentale telaio a pedale; esso presenta infatti salti ed errori di battuta. Il tessuto a spina di pesce è di origine mesopotamica o siriaca. Nei ritrovamenti di tessuti giudaici a Masada, in Israele, è documentata una speciale tipologia della cimosa, uguale a quella presente sulla Sindone, per il periodo compreso tra il 40 a. C. e la caduta di Masada nel 74 d. C. Sulla Sindone c’è anche una cucitura longitudinale, identica a quella presente su frammenti di tessuto provenienti dai citati ritrovamenti di Masada.
Le dimensione della Sindone sono precise in cubiti siriani (8x2).
Il cubito siriano era un’unità di misura di lunghezza usata nell’antico Israele. Con altri sistemi di un’unità di misura non si ottengono numeri interi per i valori di lunghezza e larghezza del telo.
Il tessuto di lino della Sindone è stato prodotto in ambiente ebraico.
Nella Sindone non furono trovate tracce di fibre di origine animale. In ambiente ebraico il rispetto della legge mosaica prescrive di tenere separata la lana dal lino (Dt 22, 11); il fatto che fra le fibre di lino della Sindone non siano state trovate tracce di fibre animali, ma solo cotone Gossupium Herbaceum, diffuso nel Medio Oriente ai tempi di Cristo, fa dedurre che la Sindone sia stata prodotta nel rispetto delle leggi ebraiche.
Da Emanuela Marinelli “Sindone, le ragioni dell’autenticità”, in Il Timone, n. 67 Novembre 2007, pp. 50-51.

mercoledì, dicembre 16, 2009

The Realist Beginner’s Handbook – Part 1

The Realist Beginner’s Handbook – Part 1: "

The first step on the path of realism is to recognise that one has always been a realist; the second is to recognise that, however, much one tries to think differently, one will never succeed; the third is to note that those who claim that they think differently, think as realists as soon as they forget to act a part. If they ask themselves why, their conversion is almost complete.

.

Most people who say and think that they are idealists would prefer to be able not to be such, but they cannot find out how. People tell them that they will never get outside their thought and that anything beyond thought is unthinkable. If they consent to seek a reply to this objection they are lost from the start, for all the idealist’s objections against the realist are formulated in idealist terms…

.

We must begin by distrusting the term ‘thought’; for the greatest difference between the realist and the idealist is that the idealist thinks, whereas the realist knows…

[For the idealist] the spirit is what thinks, while for us the intellect is what knows… An idealist term is generally a realist term which designates one of the spiritual conditions of knowledge, but is not considered as generating its own content.

.

The knowledge of which the realist speaks is the lived and experienced unity of an intellect with an apprehended reality. This is why a realist philosopher always presses towards the very thing that is apprehended, without which there would be no knowledge. The idealist philosophers, on the other hand, since they start from thought, very soon choose as their object science or philosophy. When he genuinely thinks as an idealist, the idealist embodies perfectly the essence of a ‘professor of philosophy’; while the realist, when he genuinely thinks as a realist, fulfils the authentic essence of a philosopher; for a philosopher talks about things, but a professor of philosophy talks about philosophy.

.

Just as we do not have to go from thought to things (knowing the enterprise to be impossible), so we do not have to ask ourselves whether something beyond is thinkable. It may well be that something beyond thought is not thinkable, but it is certain that all knowledge implies something beyond thought. The fact that this something-beyond-thought is given to us by knowledge only in thought does not prevent it from being something-beyond; but the idealist always confuses ‘being given in thought’ and ‘being given by thought’. For one who starts from knowledge something-beyond-thought is so far thinkable that it is only this kind of thought for which there can be a ‘beyond’.

.

The realist will be committing an error of the same kind [as the idealist] if he asks himself how, starting from the ego, he can prove the existence of a non-ego. For the idealist, who starts from the ego, this is the normal, and indeed only possible, formulation of the question. The realist must be doubly wary; first because he does not start from the ego, and secondly because for him the world is not a non-ego (that would be nothing at all), but an in-se. An in-se can be given in knowledge; a non-ego is what the realist is reduced to for an idealist, and it can neither be grasped by knowledge no proved by thought.

.

Etienne Gilson, Methodical Realism, quoted in E.L. Mascall's The Openness of Being [p.93-94]

E.L Mascall adds the following comment:


For Gilson, the idealist problem, how we can compare the content of our mind with the reality outside in order to know what degree the former accurately depicts the latter, simply does not arise. It is an insoluble problem which idealism has created for itself; for the realist, there is no such thing as a noumenon in the idealist’s sense of the term.

"

martedì, dicembre 15, 2009

Newman

Annuncio ai miei cari lettori che un mio libro in italiano sull'amatissimo cardinale Newman verrà pubblicato nei prossimi mesi. Proprio oggi mi è arrivata notizia che la casa editrice ha accettato la mia proposta.

Intanto, mentre dal Tablet arrivano dettagli sulla visita papale in Inghilterra e Scozia del settembre 2010, durante la quale il Santo Padre presiederà la cerimonia di beatificazione di Newman, io mi permetto di fare una previsione. Ci sono motivi fondati che fanno sperare che il Papa possa dichiarare Newman Dottore della Chiesa.

sabato, dicembre 12, 2009

God rest ye merry, gentlemen

God rest ye merry gentlemen è forse la più bella canzone natalizia della tradizione inglese.
La offro ai miei lettori in quattro versioni molto diverse.
Una jazz, poi quella vagamente swing dei Barenaked Ladies, quella punk rock dei Relient K e infine, la mia preferita, quella epic metal dei MercyMe.


God rest ye merry, gentlemen
Let nothing you dismay
Remember, Christ, our Saviour
Was born on Christmas day
To save us all from Satan's power
When we were gone astray
O tidings of comfort and joy,
Comfort and joy
O tidings of comfort and joy

In Bethlehem, in Israel,
This blessed Babe was born
And laid within a manger
Upon this blessed morn
The which His Mother Mary
Did nothing take in scorn
O tidings of comfort and joy,
Comfort and joy
O tidings of comfort and joy

From God our Heavenly Father
A blessed Angel came;
And unto certain Shepherds
Brought tidings of the same:
How that in Bethlehem was born
The Son of God by Name.
O tidings of comfort and joy,
Comfort and joy
O tidings of comfort and joy

"Fear not then," said the Angel,
"Let nothing you affright,
This day is born a Saviour
Of a pure Virgin bright,
To free all those who trust in Him
From Satan's power and might."
O tidings of comfort and joy,
Comfort and joy
O tidings of comfort and joy

The shepherds at those tidings
Rejoiced much in mind,
And left their flocks a-feeding
In tempest, storm and wind:
And went to Bethlehem straightway
The Son of God to find.
O tidings of comfort and joy,
Comfort and joy
O tidings of comfort and joy

And when they came to Bethlehem
Where our dear Saviour lay,
They found Him in a manger,
Where oxen feed on hay;
His Mother Mary kneeling down,
Unto the Lord did pray.
O tidings of comfort and joy,
Comfort and joy
O tidings of comfort and joy

Now to the Lord sing praises,
All you within this place,
And with true love and brotherhood
Each other now embrace;
This holy tide of Christmas
All other doth deface.
O tidings of comfort and joy,
Comfort and joy
O tidings of comfort and joy










giovedì, dicembre 10, 2009

Da Copertino

Ricevo dall'amico Luigi Copertino il seguente messaggio che divulgo con piacere.



A tutti gli interessati,
inoltro, in calce alla presente mail, la mia risposta ad Edoardo Spagnuolo, dicesi storico, che sul blog di Andrea Carancini (http://andreacarancini.blogspot.com/2009/12/bartolome-de-las-casas-e-lo-sterminio.html) è intervenuto criticamente su un mio articolo di divulgazione storiografica. Dove è il problema direte, giustamente, voi? Non certo nella libertà di chiunque di criticare quanto altri scrivono ma nel fatto che il sig. Andrea Carancini richiesto da me, via mail, di inserire sullo stesso blog, in calce all'intervento dello Spagnuolo, una mia risposta, che non ero riuscito per motivi tecnici ad inserire direttamente, non lo ha fatto come correttezza avrebbe voluto. Costringendomi così a farla girare con altri e più diretti mezzi e chiedendo, contestualmente, a tutti coloro che riceveranno questa mail di farla girare a loro volta. Andrea Carancini non è nuovo a queste cose. Spinto, forse, da un’ansia non soddisfatta di visibilità, ha già preso di mira Maurizio Blondet, Franco Cardini, Vittorio Messori ed altri noti nomi. Cardini, sul suo blog personale, e Messori, su Il Timone, hanno già avuto modo di replicare alle maldestre intemperanze del nostro. Messori oltretutto, con dati alla mano, dimostrando quanto di falso Carancini aveva scritto sul suo conto. Ora, evidentemente scornato dai fallimentari tentativi fatti con sì alti studiosi, Carancini ha deciso di volare più basso ed ha preso di mira il primo che gli è capitato a tiro, ossia lo scrivente che è solo un modesto dilettante di cose filosofiche e storiche. Nulla di male se tuttavia il nostro, che non conosco personalmente e che da qualche anno a questa parte ogni tanto si è dato la briga, non richiesto, di telefonarmi per esternare i propri rancori verso il malcapitato di turno, costringendomi se non altro all’esercizio cristiano della santa virtù della pazienza, avesse avuto la cavalleria di inviarmi direttamente l'intervento critico di Spagnuolo da lui sollecitato e pubblicato. Ma non lo ha fatto, sicché ho potuto conoscere l'intervento critico solo perché inviatomi da altra persona. Ora, si da il caso che il Carancini tempesta la mia mail personale un giorno sì e l’altro pure con i links di quanto va pubblicando sul suo blog, specializzato in negazionismo (sul merito dei contenuti del quale qui sorvolo avendo già avuto modo di dissentire direttamente con lui sulla questione; fa comunque specie che ora il Carancini mi accusi, falsando quanto ho scritto, di “negare” i massacri dei conquistadores, laddove invece mi sono solo limitato sulla scorta della più accreditata storiografia, che sia lui che lo Spagnuolo si sono ben guardati dal provare a confutare, ad inquadrarli storicamente nella genesi e nella dinamica dei fatti, e, quindi, mi accusi di non fare “sano revisionismo”: come, verrebbe sarcasticamente da dire, quello del suo blog!). Della risposta censurata ho già detto. Qui di seguito, costrettovi dal comportamento di Carancini, la propongono alla vostra cortese attenzione, avvertendo che prima di decidermi a questo passo ho inviato al medesimo Carancini ben due mail, con allegato il testo della risposta, poi censurata, e che nell’ultima di esse l’ho correttamente preavvertito che, vista la sua scorrettezza censoria, avrei dovuto provvedere altrimenti nei modi in cui i pochi mezzi mediatici a mia disposizione me lo avrebbero consentito .

Un saluto a tutti.



Luigi Copertino







Questo il testo della risposta ad Edoardo Spagnuolo

Caro Signor Spagnuolo,

Lei parte lancia in resta con molto furore ma sbaglia completamente bersaglio. Perché lo scrivente non è tradizionalista lefreviano, ossia di quelli che hanno censurato i suoi studi che, sia detto per inciso, conosco (almeno uno) ed apprezzo e che trovo, a differenza di quel che mi sembra faccia Lei, complementari e non in opposizione con gli altri da me citati nella bibliografia in calce al mio articolo. E' soprattutto con questa bibliografia che La invito a confrontarsi, con gli storici autori dei testi da me citati. Vede, il "furor mentis" può giocare brutti scherzi. Infatti, caro Spagnuolo, Lei non si è accorto che lo scrivente, a differenza di quel che mi obietta, ha messo in debito rilievo sia il fatto che Las Casas è stato elevato alla dignità episcopale con il favore di Carlo V, sia che è stato ascoltato a corte molto più di altri e che è stato preferito a Sepulveda. Né ho mai detto che le denunce di Las Casas non avessero fondamento ma solo che, ispirate da un evidente millenarismo, molto comune nel clero formatosi nel clima "mistico" della reconquista, erano portate all'eccesso. E' questa mentalità "millenaristica", ossia la convinzione di poter realizzare il paradiso in terra, che mi ha fatto fare una paragone tra il domenicano del XVI secolo, che quasi sembra ritenere gli indios privi del peccato originale, e Alex Zanottelli (paragone che non voleva essere affatto un salto anacronistico ma solo un modo di far comprendere a lettori ignari di cose storiche il tipo umano, la mentalità soggiacente a certa tipologia clericale). Credo che Lei non abbia affatto capito che ciò che imputo a Las Casas non è quanto egli denunciava ma il fatto che, preso dal suo misticismo chiliasta, abbia finito, esagerando i toni della denuncia, per prestare il fianco alla "leggenda nera", che è davvero una "leggenda nera" nata per motivi politici in funzione anti-ispanica e per motivi religiosi in funzione anti-cattolica. Alla quale lo scrivente non ha mai contrapposto alcuna "leggenda aurea" (e l’ho detto chiaramente! Basta saper leggere, senza il furore della mente): di qui i "riconoscimenti" che a suo giudizio sarei stato costretto a fare. Nessuna costrizione, dunque, perché non ho mai voluto celare alcunché ma solo riequilibrare un giudizio storico inficiato da secoli da una propaganda nata per ragioni politiche e che la storiografia ha finalmente superato. Inoltre se pensa di toccarmi con la presunta accusa di fobia "cattocomunista" si sbaglia di grosso e non perché abbia simpatie di sinistra ma perché sono da anni un critico severo delle derive neoconservatrici di certi settori del mondo cattolico. Piuttosto mi sembra che Lei sia molto a digiuno circa l'importanza storica dell'elaborazione giuridica della Scuola di Salamanca che, se certo non era sic et simpliciter la soluzione universale del grave problema, è stata, però, la fonte di un successivo sviluppo sia ecclesiale (essendo stata all'origine del formarsi della coscienza cristiana circa i diritti umani, secondo legge di natura), sia extra-ecclesiale (essendo essa all'origine del moderno diritto internazionale). Quel che Lei non ha capito è che nell'articolo non c'è alcuna giustificazione dei crimini dei conquistadores ma solo l'affermazione, condivisa oggi dalla maggior parte degli storici anche non cattolici, che lo sforzo della Chiesa e della corona asburgica per la tutela degli indios fu assiduo e costante ed è innegabile. Il che non significa che i coloni non cercassero di sottrarsi alla legislazione pro-indios e che, lontani da Madrid e dalle capitali dei vice-regni coloniali, non riuscissero spesso a farla franca. Ma la repressione dei crimini, nella fase di riconversione coloniale, era perseguita dalle autorità ecclesiali e civili senza infingimenti. Per quanto riguarda la schiavitù dei negri, la invito ad evitare spiritosaggini fuori luogo. Cosa le fa ritenere che lo scrivente non sappia che in Europa essa fosse presente e che traffici del genere passassero anche per porti e terre spagnole, per motivi politici o economici? Ciò non toglie, però, che tale schiavitù non era affatto legalizzata, piuttosto tollerata, nelle terre coloniali ispaniche, mentre altrove trovava ampio riconoscimento legale. Dunque, per chiudere, un amichevole invito: maggior prudenza nel giudicare scritti altrui, cercando, piuttosto, di coglierne i veri obiettivi togliendosi gli occhiali del risentimento verso ambienti a Lei ostili e con i quali non lo scrivente non ha nulla a che fare, salvo il fatto che anche con essi lo scrivente è disposto a dialogare come lo è con Lei e con chiunque (ho amici ed interlocutori sia tra i tradizionalisti che tra i progressisti come anche tra i moderati: riconosco a tutti la stessa dignità che, però, pretendo sia dagli altri riconosciuta a me).

Un saluto e auguri di un Santo Natale e Felice Anno Nuovo.

Luigi Copertino

mercoledì, dicembre 09, 2009

SLJ: Advent and Science

SLJ: Advent and Science: "
Yes, Father wrote a little book (about 90 pages) called Advent and Science, which contains four chapters of translations of his talks (in Hungarian) given in Budapest in 1999. If you don't yet have a copy, you ought to get one. Here's the very beginning, just to inspire you...

--Dr. Thursday


It may seem strange to seek a connection between Advent and science, and even stranger if Advent is mainly a matter of sentiments. Yet, undoubtedly, more than any other phase of the liturgical year Advent is the season of that gripping sentiment which is longing. Advent is also replete with the joy of anticipation which in some way surpasses even the joy of possession. Many have observed, and rightly so, that there is something special in the joy of expecting as compared with the joy one feels on coming into possession of what one has eagerly looked for.

What is true of religion, as experienced especially during Advent, is also true of science. The magic of science comes to a large extent from musing about its future marvels and about its promise that man's horizons would forever expand. The feats which science has already achieved along these lines greatly strengthen the confidence that the future has even greater feats in store.

Advent is the most attractive part of the liturgical year also because it is a summary of the entire liturgical year, an annually recurring anticipation of a final Advent. This attitude expresses best the essence of religion, so concisely put in the words of the Scripture: 'Faith is solid confidence in what we hope, a conviction about what we do not see' (Heb 11:1). The entire Christian condition is a longing for the kind of present moment which is eternity itself. That moment will not be touched with the anxiety that once it is ours it may slip through our fingers as does the momentary present.

The idea of a present moment that lasts forever was best summed up in Boethius' dictum, now almost a millennium and a half old: 'Eternity is the perfect and total possession of a life with no limits.' Longing for that moment that lasts forever is the essence of Advent and also its perennial timeliness. For we can grasp the notion of eternity only inasmuch as we penetrate the present moment's intellectual significance and conceptual riches.
[SLJ Advent and Science, 1-2]
"

martedì, dicembre 08, 2009

Avrai

martedì, dicembre 01, 2009

coerenza svizzera

coerenza svizzera: "

kirchenturminitiative

Alcuni passi dell’articolo 400 Jahre Schweizerische Benediktinerkongregation (400 anni della congregazione benedettina svizzera), dell’abate Lukas Schenker.

----

A partire dagli anni ‘30 dell’800 si impose poco a poco nelle istituzioni cantonali una linea liberale e di lì a poco la Chiesa fu sottoposta al controllo dello Stato. Si fece strada quello che avrebbe preso il nome di Kulturkampf e che riguardò molti cantoni svizzeri.

Sui conventi questa ondata di anti-cattolicesimo si fece sentire come supervisione statale sull’amministrazione, come controllo dei candidati ai noviziati o come divieto di accettare nuovi novizi tout court. Nel 1841 il cantone di Aargau soppresse tutte le abbazie, tra cui quella di Muri, in palese violazione delle garanzie costituzionali. Nel 1840 furono riaperte solo quelle femminili. Muri, una realtà legata agli Asburgo, poté riappropriarsi del suo collegio nel 1841. La comunità sopravvisse invece trasferendosi nell’ex monastero di Gries, nel sud Tirolo, sede che le venne offerta dall’imperatore d’Austria.

Nel 1838 l’abbazia di Pfäfers, dilaniata da divisioni e conflitti al suo interno, chiese al Papa di essere sciolta: arrivarono prima le autorità del cantone di San Gallo che se ne impossessarono, con tutte le sue proprietà.

Continua su WXRE








"