venerdì, febbraio 17, 2012

Oh God of earth and altar

O God of earth and altar, bow down and hear our cry,
Our earthly rulers falter, our people drift and die;
The walls of gold entomb us, the swords of scorn divide;
Take not Thy thunder from us, but take away our pride.

From all that terror teaches, from lies of tongue and pen,
From all the easy speeches that comfort cruel men;
From sale and profanation of honor and the sword;
From sleep and from damnation, deliver us, good Lord!

Tie in a living tether, the prince and priest and thrall;
Bind all our lives together, smite us and save us all;
In ire and exultation aflame with faith and free,
Lift up a living nation, a single sword to Thee.

G. K. Chesterton



Oh God of earth and altar è una poesia di Chesterton. E' noto che gli Iron Maiden nel 1983 ne avevano utilizzato la prima strofa per la loro Revelations.



Bruce Dickinson, il cantante, aveva imparato la poesia da piccolo a scuola. Questa poesia è spesso cantata su un brano tradizionale inglese musicato da Vaughan Williams. Si tratta del Larghetto Van Demien's Land, il terzo studio dei suoi Six Studies in English Folk Songs.
(Qui al minuto 3.44)




Lo scorso dicembre Bruce Dickinson si è esibito insieme ai Jethro Tull in un concerto di beneficienza presso la Canterbury Cathedral di Kent ed ha cantato, credo per la prima volta in pubblico, non la versione degli Iron Maiden ma quella completa di Chesterton.