lunedì, gennaio 13, 2014

Tom

Piango la morte violenta e insensata di Tom O'Gorman che conoscevo da oltre dieci anni. Una intelligenza non comune ed una personalità amabile sempre dedite a grandi cause, come giornalista, attivista e poi ricercatore a tempo pieno per lo Iona Institute a promuovere i valori della vita, del matrimonio e della famiglia. Spassoso imitatore, gran compagno, amava l'Italia, Roma, Chiara Lubich e perciò quando ci incontravamo lo chiamavo Tommaso e scambiavamo quattro chiacchiere nel suo italiano stentato. Purtroppo è stato accoltellato da mani italiane.
Uomo di fede solida e colta, che Dio ti ricompensi per quanto ci hai lasciato.