sabato, gennaio 14, 2006

Poeti e naviganti

Bentornati, senatori,
dalle feste e dai ristori
tutti insieme per votare
la gran legge secolare:
la piu' urgente, la piu' bella,
si', la legge Pecorella.

Ma quant'e' curioso il mondo
nel suo gran girare in tondo
che fa nascere d'incanto
una legge che puo' tanto.
E la scrive un avvocato
per salvare il suo imputato,
che poi, caso assai moderno,
e' anche capo del Governo,
mentre invece l'avvocato
e' un potente deputato.
Ah, che idea stupefacente,
non si trova un precedente.
E' un esempio da manuale
di cultura occidentale
che sa metter le persone
sopra la Costituzione.

E ora e' bello, edificante,
che di voci ne sian tante
- di giuristi, ex magistrati,
di causidici, avvocati -
pronte intrepide a spiegare
che la legge e' da votare,
poiche' vuole la dottrina
che il diritto su una china
piu' virtuosa scorrera'
se la norma si fara'.
Ma pensate che bellezza
per un reo, l'aver certezza
che se il giudice e' impaurito
o corrotto o scimunito,
potra' dar l'assoluzione
senza alcuna sconfessione,
che' il processo finira'
e un macigno calera'
sull'accusa dello Stato
e su chi subi' il reato.
Che trionfo, che tripudio!
E per Silvio che preludio
a una dolce terza eta',
l'assoluta impunita'.

Bentornati, senatori,
per la fine dei lavori.
Cinque anni incominciati
coi tesori detassati,
poi vissuti con amore
a far leggi di favore:
rogatorie, suspicioni,
lodi, falsi e prescrizioni,
approvate in frenesia
e con gran democrazia,
che chi c'e' non puo' parlare
e chi e' assente puo' votare.
Mentre al pubblico, in diretta,
lui giurava: "Date retta,
se non si combina niente
sui problemi della gente
colpa e' di opposizioni,
Parlamento e Commissioni!"
Bravi voi che con tempismo
combattete il comunismo,
anche se nell'ossessione
ce l'aveste una ragione:
falsa e' di Marx la tesi
che lo Stato e' dei borghesi;
ci insegnaste voi del Polo
che lo Stato e' di uno solo.
Or votando con l'inchino
si completi il gran bottino
delle leggi personali,
questo sconcio senza eguali.
Del diritto sia mattanza.
Ma l'Italia ne ha abbastanza.

Nando Dalla Chiesa
Senato della Repubblica, 12 gennaio 2006.