sabato, novembre 30, 2002

ODE TO MY FAMILY

Understand the things I say
don't turn away from me
Cause I spent half my life out there
You wouldn't disagree
D'you see me, d'you see
Do you like me, do you like me standing there
d'you notice, d'you know
do you see me, do you see me
does anyone care
Unhappiness, where's when I was young
And we didn't give a damn
'Cause we were raised
To see life as a fun and take it if we can
My mother, my mother she hold me
did she hold me, when I was out there
My father, my father, he liked me
Oh he liked me, does anyone care
Understand what I've become
It wasn't my design
And people everywhere think
something better than I am
But I miss you, I miss
'Cause I liked it, I liked it
When I was out there
d'you know this, d'you know
You did not find me, you did not find
does anyone care
Unhappiness was when I was young
and we didn't give a damn
'Cause we were raised
To see life as fun and take it if we can
My mother, my mother she hold me
did she hold me, when I was out there
My father, my father, he liked me
Oh he liked me, does anyone care
does anyone care

venerdì, novembre 29, 2002

Giornata pienissima ed indimenticabile.

Riferirò appena ho un minuto di tranquillità.

kisses from Liffley Town



They've got cars
Big as bars
They've got rivers of gold
But the wind goes
Right through you
It's no place for the old
When you first took my hand
On a cold Christmas Eve
You promised me
Broadway was waiting for me

giovedì, novembre 28, 2002

John Rawls, Theorist on Justice, Is Dead at 82

November 26, 2002
By DOUGLAS MARTIN






John Rawls, the American political theorist whose work gave
new meaning and resonance to the concepts of justice and
liberalism, died on Sunday at his home in Lexington, Mass.
He was 82.

The cause was heart failure, his wife, Margaret, said. She
said he had been incapacitated in varying degrees since
suffering a stroke in 1995.

The publication of his book "A Theory of Justice" in 1971
was perceived as a watershed moment in modern philosophy
and came at a time of furious national debate over the
Vietnam War and the fight for racial equality. Not only did
it veer from the main current of philosophical thought,
which was then logic and linguistic analysis, it also
stimulated a revival of attention to moral philosophy. Dr.
Rawls made a sophisticated argument for a new concept of
justice, based on simple fairness.

Before Dr. Rawls, the concept of utilitarianism, meaning
that a society ought to work for the greatest good of the
greatest number of people, held sway as the standard for
social justice. He wrote that this approach could ride
roughshod over the rights of minorities. Moreover, the
liberty of an individual is of only secondary importance
compared with the majority's interests.

His new theory began with two principles. The first was
that each individual has a right to the most extensive
basic liberty compatible with the same liberty for others.
The second was that social and economic inequalities are
just only to the extent that they serve to promote the
well-being of the least advantaged.

But how could people agree to structure a society in
accordance with these two principles? Dr. Rawls's response
was to revive the concept of the social contract developed
earlier by thinkers like Thomas Hobbes, John Locke and Jean
Jacques Rousseau.

For people to make the necessary decisions to arrive at the
social contract, Dr. Rawls introduced the concept of a
"veil of ignorance." This meant that each person must
select rules to live by without knowing whether he will be
prosperous or destitute in the society governed by the
rules he chooses. He called this the "original position."

An individual in the "original position" will choose the
society in which the worst possible position - which, for
all he knows, will be his - is better than the worst
possible position in any other system.

The result, Dr. Rawls argued, was that the least fortunate
would be best protected. The lowest rung of society would
be higher. Though inequalities would not be abolished by
favoring the neediest, they would be minimized, he argued.

In later works, Dr. Rawls expanded his arguments to
suggest how a pluralistic society can be just to all its
members. His idea was that the public could reason things
out, provided comprehensive religious or philosophical
doctrines are avoided. Dr. Rawls, like Kant, whom he
revered, believed that as liberal democracies capable of
such reasonableness spread, wars would be avoided.

Damon Linker in National Review in 2000 spoke for many
conservative critics when he called Mr. Rawls's formulation
hopelessly utopian. Mr. Rawls, he said, had "a childlike
innocence about the ways of the world."

The conservative philosopher Robert Nozick likewise
considered Dr. Rawls's argument egalitarian nonsense, but
its impact is suggested by the 5,000 books or articles that
took up the discussion. Many who bought Dr. Rawls's book -
which sold 200,000 copies, a huge number for an academic
work - were dazzled by his intellectual dexterity and moral
clarity. Ben Rogers wrote in 1999 in The New Statesman that
"Rawls has been recognized as the most important
English-speaking philosopher of his generation." Mr. Rogers
went on to say that Dr. Rawls "through a mixture of bold
thought experiment, conceptual rigor and historical
imagination, more or less invented analytic political
thought."

John Bordley Rawls was born the second of five sons in
Baltimore on Feb. 21, 1921. His father, William Lee Rawls,
did not attend law school but through a clerkship at a law
firm learned enough to become a lawyer and argue cases
before the Supreme Court. His mother's advocacy of voting
rights for women, among other issues, greatly influenced
his own political and moral development.

He loved family vacations to Maine and would go on long
sailing trips in a leaky boat. His love of the outdoors was
later expressed in mountain climbing.

He graduated from the Kent School in Connecticut and from
Princeton University, and planned to become a minister. But
after serving as a combat infantryman in the South Pacific
in World War II, he gave up his aspiration without
explaining why, his wife said.

He returned to Princeton and earned a doctorate in
philosophy, a decision he always explained by joking that
he was not good enough in music or math. His interest in
developing a theory of justice began in graduate school.

He taught at Oxford, Cornell and the Massachusetts
Institute of Technology before settling at Harvard, where
his final position was James Bryant Conant university
professor emeritus. His books included "Political
Liberalism" (Columbia, 1993); Collected Papers (Harvard,
1999); "The Law of Peoples; with, The Idea of Public Reason
Revisited" (Harvard, 1999) and "Justice as Fairness, a
Restatement" (Harvard, 2001).

A modest, tweedy man, he turned down hundreds of honorary
degrees, and accepted them only from universities with
which he was associated (Oxford, Princeton, Harvard). In
1999, he won a National Humanities Medal, with the citation
noting his success in helping women enter the ranks of a
male-dominated field.

In addition to his wife, Dr. Rawls is survived by his
brother William Stow Rawls of Philadelphia; his daughters,
Ann Warfield Rawls of Beverly Hills, Mich., and Elizabeth
Fox Rawls of Cambridge, Mass.; his sons, Robert Lee, of
Woodinville, Wash., and Alexander Emory, of Palo Alto,
Calif.; and four grandchildren.

Dr. Rawls's concern for justice and individual happiness is
seen in a story from Harvard. When a candidate was
defending his dissertation, Dr. Rawls noticed the sun
shining in his eyes. He positioned himself between the
candidate and the sunlight for the rest of the session.

mercoledì, novembre 27, 2002

Ecco la mia traduzione del documento dei vescovi USA sull'Iraq.
Se ci sono errori segnalatemeli.


Statement on Iraq
United States Conference of Catholic Bishops
Washington, D.C.
November 13, 2002

Nel momento in cui noi, Vescovi Cattolici, ci incontriamo a Washington, la
nostra nazione, l'Iraq ed il mondo affrontano gravi scelte riguardanti la
guerra, la pace ed il perseguimento della giustizia e della sicurezza.
Queste non sono solo scelte militari e politiche ma anche morali perché
coinvolgono questioni di vita o di morte. L'insegnamento cristiano
tradizionale offre principi etici e criteri morali che dovrebbero guidare
queste scelte critiche.

Due mesi fa, il vescovo Wilton Gregory, Presidente della United States
Conference of Catholic Bishops, scrisse al Presidente George Bush per
esprimere una favorevole accoglienza degli sforzi fatti per concentrare l'
attenzione del mondo sul rifiuto dell'Iraq di conformarsi a numerose
risoluzioni delle Nazioni Unite negli scorsi undici anni, e sul suo sviluppo
di armi di distruzione di massa. Questa lettera, autorizzata dal Comitato
Amministrativo dei Vescovi USA, sollevò serie domande sulla legittimità
morale di qualsiasi uso preventivo e unilaterale della forza militare per
rovesciare il governo dell'Iraq. Come organismo facciamo nostre le domande e
le preoccupazioni sollevate nella lettera del Vescovo Gregory, tenendo conto
gli sviluppi avvenuti, specialmente l'unanime azione del Consiglio di
sicurezza dell'ONU dell' 8 Novembre.

Non ci facciamo illusioni sul comportamento o le intenzioni del governo dell
'Iraq. Il governo dell'Iraq deve cessare la repressione interna, porre fine
alle minacce ai propri vicini, fermare ogni aiuto al terrorismo, abbandonare
i suoi sforzi di sviluppare armi di distruzione di massa e distruggere tutte
quelle esistenti. Noi salutiamo con favore il fatto che gli Stati Uniti
abbiano agito per ottenere una nuova azione dal Consiglio di sicurezza dell'
ONU per assicurare che l'Iraq adempia al proprio obbligo di disarmare. Ci
uniamo agli altri nell'appellarci all'Iraq perché adempia pienamente a quest
'ultima risoluzione del Consilio di sicurezza. Preghiamo con fervore perché
tutti coloro che sono coinvolti agiscano per assicurare che questa azione
dell'ONU non sia semplicemente un preludio alla guerra ma un modo per
evitarla.

Mentre non possiamo prevedere cosa accadrà nelle prossime settimane,
vogliamo ribadire questioni di scopi e di mezzi che potrebbero ancora essere
considerate. Non offriamo conclusioni definitive ma piuttosto le nostre
serie preoccupazioni e domande nella speranza di aiutare tutti noi a
raggiungere fondati giudizi morali. Persone di buona volontà potrebbero
avere opinioni divergenti su come applicare le norme sulla guerra giusta in
casi particolari, specialmente quando gli eventi evolvono rapidamente e i
fatti non sono del tutto chiari. Basandoci sui fatti a noi noti continuiamo
a trovare difficile giustificare il ricorso alla guerra contro l'Iraq,
mancando una evidenza chiara ed adeguata di un attacco imminente di natura
grave. Con la Santa Sede e i vescovi del Medio Oriente e del mondo, temiamo
che il ricorso alla guerra, nelle circostanze presenti e alla luce delle
attuali informazioni pubbliche, non sarebbe conforme alle strette condizioni
dell'insegnamento cattolico necessarie per ribaltare la decisa posizione
contro l'uso della forza militare.*

Giusta Causa. Il Catechismo della Chiesa Cattolica limita la giusta causa ai
casi nei quali "il danno inflitto dall'aggressore alla nazione o alla
comunità di nazione è durevole, grave e certo." (#2309) Siamo profondamente
preoccupati delle recenti proposte di espandere decisamente i limiti
tradizionali in tema di giusta causa per includere l'uso preventivo della
forza militare per rovesciare regimi politici minacciosi o per trattare armi
di distruzioni di massa. Coerenti con le prescrizioni contenute nel diritto
internazionale, va fatta una distinzione tra gli sforzi per cambiare un
comportamento inaccettabile di un governo e gli sforzi per mettere fine all'
esistenza di quel governo.

Autorità legittima. A nostro parere, decisioni concernenti una possibile
guerra in Iraq richiedono conformità agli imperativi costituzionali degli
Stati Uniti, ampio consenso nella nazione e una qualche forma di sanzione
internazionale. Questo è il motivo per cui l'azione del Congresso e del
Consiglio di Sicurezza dell'ONU sono importanti. Come ha indicato la Santa
Sede, se il ricorso alla forza fosse necessario, questo dovrebbe avere luogo
sotto l'egida delle Nazioni Unite dopo aver considerato le conseguenze per i
civili iracheni e la stabilità regionale e globale. (Arcivescovo Jean-Louis
Tauran, Secretario Vaticano per le Relazioni con gli Stati, 10/9/02).

Probabilità di successo e proporzionalità. L'uso della forza deve avere una
"seria prospettiva di successo" e "non deve produrre mali e disordini più
gravi del male da eliminare " (Catechismo, #2309). Riconosciamo che il non
intraprendere azioni militari potrebbe avere le sue conseguenze negative.
Siamo convinti, comunque, che la guerra contro l'Iraq potrebbe avere
imprevedibili conseguenze non solo per l' Iraq ma per la pace e la stabilità
altrove in Medio Oriente. L'uso della forza potrebbe provocare lo stesso
genere di attacchi che si vorrebbero evitare, potrebbe imporre nuove minacce
su una popolazione civile già da tempo sofferente e potrebbe condurre ad un
più ampio conflitto e instabilità nella regione. La guerra contro l'Iraq
potrebbe anche distogliere dalla responsabilità di aiutare a costruire un
ordine giusto e stabile in Afghanistan e potrebbe minacciare gli sforzi più
ampi di fermare il terrorismo.

Norme che governano la condotta della guerra. La giustizia di una causa non
diminuisce la responsabilità morale di agire secondo le norme della immunità
dei civili e della proporzionalità. Mentre riconosciamo migliorate capacità
e seri sforzi per evitare di puntare direttamente ai civili in guerra, l'uso
della forza militare in Iraq potrebbe comportare costi incalcolabili per una
popolazione civile che ha sofferto così tanto da guerra, repressione e da un
embargo debilitante. Nel considerare se il "danno collaterale" è
proporzionato, le vite di uomini, donne e bambini iracheni dovrebbero essere
valutate come quelle dei membri della nostra stessa famiglia e dei cittadini
del nostro stesso paese.

La nostra considerazione di queste questioni ci porta a spingere perché la
nostra nazione ed il mondo continuino a perseguire attivamente le
alternative alla guerra nel Medio Oriente. E' vitale che la nostra nazione
persista nella frustrante e difficile sfida di mantenere un ampio sostegno
internazionale a strade costruttive, effettive e legittime per contenere e
scoraggiare azioni aggressive e minacce irachene. Sosteniamo un effettivo
rinforzo dell'imbarco militare ed il mantenimento delle sanzioni politiche.
Rinnoviamo il nostro appello per azioni economiche concentrate con più
attenzione che non minaccino le vite di innocenti civili iracheni. La
considerazione delle armi di distruzione di massa irachene deve andare di
pari passo con più ampie e più forti misure di non proliferazione. Tali
sforzi, fondati sul principio del controllo reciproco, dovrebbero includere,
tra le altre cose, un maggiore sostegno ai programmi di protezione e di
eliminazione delle armi di distruzione di massa in tutte le nazioni, un
controllo più stretto sull'esportazione di missili e tecnologia bellica, un
migliore rafforzamento delle convenzioni sulle armi biologiche e chimiche e
l'adempimento degli impegni degli Stati Uniti di portare avanti con fiducia
i negoziati sul disarmo nucleare secondo il Trattato di Non-Proliferazione
Nucleare.

Non esistono risposte facili. Alla fine i nostri leader eletti sono
responsabili delle decisioni riguardo la sicurezza nazionale, ma speriamo
che le nostre preoccupazioni e questioni morali saranno considerate
seriamente dai nostri leader e da tutti i cittadini. Invitiamo gli altri, in
particolare i laici cattolici-che hanno la principale responsabilità di
trasformare l'ordine sociale alla luce del Vangelo - a continuare a
discernere come vivere al meglio la loro vocazione ad essere "testimoni e
fautori di pace e giustizia" (Catechismo, #2442). Come disse Gesù, "Beati i
costruttori di pace" (Mt. 5).

Preghiamo per tutti quelli che verosimilmente saranno coinvolti in questo
possibile conflitto, specialmente il sofferente popolo dell'Iraq e gli
uomini e le donne in servizio nelle forze armate. Sosteniamo quanti
rischiano le loro vite al servizio della nostra nazione. Sosteniamo anche
quanti cercano di esercitare il loro diritto all'obiezione di coscienza e l'
obiezione di coscienza selettiva, come abbiamo già affermato in passato.

Preghiamo per il Presidente Bush e gli altri leader mondiali perché possano
trovare la volontà ed i modi per fare un passo indietro dal precipizio di
una guerra con l'Iraq e lavorare per una pace che sia giusta e durevole. Ci
appelliamo a loro perché lavorino con gli altri per costruire una effettiva
risposta globale alle minacce dell'Iraq, che riconosca la legittima
autodifesa e sia conforme ai tradizionali limiti morali riguardo l'uso della
forza militare.

____________________

*"L'insegnamento riguardo la guerra giusta si è evoluto.sino a diventare uno
sforzo di prevenire la guerra; solo se la guerra non può essere
razionalmente evitata allora l'insegnamento cerca di restringere e ridurre i
suoi orrori. Fa questo stabilendo una serie di rigorose condizioni da
adempiere se la decisione di combattere è la più accettabile. Una tale
decisione, specialmente oggi, richiede straordinariamente forti ragioni per
ribaltare la posizione a favore della pace e contro la guerra. Questa è una
significante ragione perché il valido insegnamento della guerra giusta rende
possibile un dissenso di coscienza." The Challenge of pace: God's Promise
and Our Response (1983), #83.

Oggi ho messo per la prima volta la cravatta da quando son qui.
Dovrei farlo più spesso, mi dona (modestamente) ;)
Sono stato alla Royal Irish Academy per la conferenza su Wittgenstein.
La sala mi ricordava un po' la biblioteca della Camera.
L'intervento che ho più apprezzato è stato quello di Vasilis Politis, del Trinity.
L'ambasciata austriaca poi ha allestito una mostra fotografica dove emerge, al di là del Wittgenstein filosofo, l'artista, l'architetto, l'ingegnere.
Non sapevo avesse progettato anche un apparecchio per misurare la pressione.

Ho comprato i biglietti per il concerto dei Canberries.
Ci andrò con Antonella, una ragazza che ho conosciuto sabato ad una festa.
Non è un po' strano? Non so, ma un concerto, specialmente se ami chi suona, è una grande emozione e condividerla con uno sconosciuto, o quasi, mi sembra una forzatura.
E' per lo stesso motivo che non mi piace andare al cinema in compagnia, perchè un'opera d'arte non è un oggetto ma un'esperienza, un vissuto, un'azione e la compagnia mi distrae.
E' sbagliato chiedersi COSA è un'opera d'arte, piuttosto QUANDO un'opera è arte?
Quando le condizioni, il contesto, non sono favorevoli, non c'è oggetto che possa suscitare in te emozioni.
La preoccupazione in realtà non riguarda tanto me quanto lei, che a quanto pare è una grande fan.
Spero di non rovinarle il concerto.

Domani arrivano i miei.

lunedì, novembre 25, 2002

Oggi, e tutta la settimana, sono molto impegnato.
Oggi ho l'incontro settimanale con la supervisor, un'ora di language exchange con Caterine e poi il pomeriggio allo homeless shelter della San Vincenzo.
Domani c'è una conferenza su Wittgenstein organizzata dall'ambasciata austriaca e dalla Royal Irish Academy. Mercoledì vendono i miei e li devo portare un po' in giro.
Inoltre mercoledì e giovedì in dipartimento ci sono due seminari (obbligatori) con importanti professori americani.
Meglio così, almeno non mi annoio.

La messa domenicale nel campus è sempre molto partecipata, almeno 400 persone, non solo studenti ma anche famiglie che vivono nelle vicinanze.
Quello che più rallegra è la presenza dei bambini.
In Irlanda l'indice di crescita demografica per fortuna è ancora alto ed è bellissimo vedere queste mamme o padri trentacinquenni con 4 o 5 marmocchi biondi e rossicci.


Il Vangelo di ieri poi è di una potenza straordinaria.

"Allora il re dirà a quelli che stanno alla sua destra: Venite, benedetti del Padre mio, ricevete in eredità il regno preparato per voi fin dalla fondazione del mondo. Perché io ho avuto fame e mi avete dato da mangiare, ho avuto sete e mi avete dato da bere; ero forestiero e mi avete ospitato, nudo e mi avete vestito, malato e mi avete visitato, carcerato e siete venuti a trovarmi.

Allora i giusti gli risponderanno: Signore, quando mai ti abbiamo veduto affamato e ti abbiamo dato da mangiare, assetato e ti abbiamo dato da bere? Quando ti abbiamo visto forestiero e ti abbiamo ospitato, o nudo e ti abbiamo vestito? E quando ti abbiamo visto ammalato o in carcere e siamo venuti a visitarti? Rispondendo, il re dirà loro: In verità vi dico: ogni volta che avete fatto queste cose a uno solo di questi miei fratelli più piccoli, l’avete fatto a me."

E anche stasera vado a letto felice (e un po' sconvolto, ma non posso parlare)

Deo gratias

Un bel po' di materiale sui Cramberries si trova su Chocolatebrown.

Forse li vedrò live al The Point il prossimo 6 dicembre.

Oh oh oh oh oh
All the promises we broke
Promises we broke
All the meaningless and empty words I spoke
Spoke spooooke

domenica, novembre 24, 2002

That I'm walking through the clouds
When you're looking at me
I'm feeling like a child
Vulnerability
I am shaking like a leaf if you move beside me
And you're are that I see
But it's no good for me

On November 24, 1632, Benedict Spinoza was born in Amsterdam to a prosperous Jewish family which had fled to Holland to escape
the Spanish Inquisition. Spinoza was an extremely bright and fiercely independent thinker, questioning accepted doctrines and
challenging authority figures most of his life (his beliefs so alienated the local Jewish leadership that, at age 24, he was expelled from
the Amsterdam synagogue). Spinoza supported himself by tutoring schoolchildren and learning the trade of lensmaking, but his lifetime
passion was philosophy. Heavily influenced by the "new philosophy" of Rene Descartes, Spinoza became one of the principal exponents
of seventeenth-century Rationalism. His most famous work was the posthumously published "Ethics," in which he tried to deduce ethical
guidelines with mathematical certainty from axioms and theorems.
A few passages from "Ethics" are of special interest to students of oxymoronica:

"Those who are believed to be most abject and humble
are usually most ambitious and envious."

"Those are most desirous of honor and glory
who cry out the loudest of its abuse
and the vanity of the world."

sabato, novembre 23, 2002

Ero in un negozio di libri usati, grande ma piuttosto scadente, in Great George Street quando mi chiama Lucie: Sorry, I've just listened to your message.
Quale messaggio? chiedo io mentre temo di aver indirizzato alla persona sbagliata l'SMS per Natasha di stamattina.
'Meeting at 12 at Trinity Gate.'
'Me? Are you sure? It was not mine. Ok, don't mind, where are you now?'
E così ci siamo incontrati a Grafton St.

Let's look for a place to eat.
Lucie ha gusti un po' difficili. No wine bar, no creppes, no expensive pubs, no take away, no german cousine.
E così dopo averne scartati una diecina ci troviamo in un mercato coperto.
Un giro tra le bancarelle ed ecco un altro negozio di libri usati.
Un buco, strettissimo, ma così ricco da far dimenticare la fame. Specializzato in storia e letteratura irlandese.

Lucie trova per 5 Euro un libro di inizio Novecento che cercava(Literature in Ireland di Thomas MacDonagh), io chiedo: Do you have anything by or about J. H. Newman?
Let's see. E me ne presenta 4 o 5.
Ne prendo 3: Struggle with fortune di Michael Tierney (1954), Thrown among Strangers di Mc Redmond ed un altro sul pensiero politico di J.H.N.
E poi mi dà un piccolo opuscolo, con una copertina un po' rovinata dall'acqua, una ventina di pagine, datato 1873.
Orate pro anima Jacobi Roberti Hope Scott.
E' il discorso funebre pronunciato da Newman in occasione della morte del caro amico Hope Scott

'It's signed by author'.
Infatti: with the affected regards of the Author July 20 1873.
E' la prima volta che mi trovo tra le mani un'opera autografa del mio cardinale preferito.
How much is it?
80 euro.
Too much, ma ho imparato a contrattare.
Ok, sorry, I take only these three ones.
Comincio a pagare. Would give it to me for 50? Aspetto la sua controfferta mentre comincio a fagli sentire l'odore dei soldi.
Ci pensa un po' e mi dice di sì.
E così per soli 100 euro, si fa per dire, stringo i miei amati vecchi libri.

Anche Lucie trova altre chicche, deve rinunciare a qualcuna, almeno per ora.
Si accontenta di Lays of the Red Branch di Samuel Ferguson (1897), 20 euro.
Pochissimo se penso che una limited edition autografata di Seamus Heaney lo vendono a 650 euro!


You say we've got nothing in common
No common ground to start from
And we're falling apart
You say the world has come between us
Our lives have come between us
But I know you just don't care

And I said "What about Breakfast at Tiffany's?"
She said "I think I remember the film
And as I recall, I think we both kinda liked it"
And I said "Well, that's the one thing we've got"

I see you, the only one who knew me
But now your eyes see through me
I guess I was wrong
So what now? It's plain to see we're over
I hate when things are over
When so much is left undone

Non voglio esagerare ma questo è il più bel blog che abbia mai visto.

A close mind is a wonderful thing to loose.

venerdì, novembre 22, 2002

Dopo un difficile parto è nato .:Me, Myself and I:.
Un altro blog da aggiungere ai preferiti.

Sarò di parte ma il blog di doter è sempre più originale ed intelligente.
Leggete al sua rassegna della toponomastica napoletana e provate a smentirmi.

smack

your dubliner bro

Pensieri, dopo qualche giorno, su quanto avvenuto a Cosenza.

Anche a me l'iniziativa della magistratura è parsa eccessiva, specialmente per quanto riguarda le misure carcerarie ma la mia rimane l'impressione di un profano.
Non ho letto le carte e in ogni caso non avrei la competenza necessaria per esprimere giudizi fondati.
Ho imparato che è bene tacere quando non si conoscono i fatti, le circostanze, i codici e le procedure.

Ho sempre guardato con favore il cosidetto movimento 'no global' e per questo non temo di esprimere anche le mie perplessità.
Si è detto che c'è stato un tentativo di criminalizzare l'intero movimento.
Io credo il contrario. Non posso esprimermi sulle intenzioni ma chi ha deciso di aspettare la conclusione del Social Forum per effettuare gli arresti l'ha fatto con grande giudizio, non oso immaginare quel che sarebbe potuto succedere nel caso contrario. Perchè basta poco, veramente poco, una scintilla, per provocare un incendio.
Anche se ampiamente maggioritaria, dubito che la componente pacifica del movimento sia in grado di controllare i violenti, che pure ci sono.

Proprio perchè credo sinceramente nella nonviolenza ben vengano le indagini, i processi e anche le giuste condanne (che sono ben altra cosa dagli abusi delle forze dell'ordine che ci sono stati a Napoli e a Genova) per chi ha commesso reati.
Non devono esistere impunibili, solo perchè presunti capi.
Lasciamo che la magistratura lavori serenamente
Lo so che è una frase senza senso nell'Italia di oggi, ripetuta senza convinzione e continuamente da chiunque, eppure mai come ora la magistratura ha bisogno di rispetto e fiducia.
La legalità non è un valore di destra o di sinistra, è una condizione essenziale per la democrazia.
(Questo l'ho imparato proprio nella FUCI, nella prima metà degli anni '90)

Caruso non avrà la capacità di sovvertire lo Stato ma, visto che l'ho conosciuto anch'io, non è neppure san Francesco.
C'è poco da minimizzare.
Proprio perchè mi sento idealmente all'interno di questo grande movimento non ho paura di prendere le distanze da alcune sue frange.
Specialmente ora che è più che forte che mai.
Quando ho visto il film Bloody Sunday, qualche mese fa, ho pensato inevitabilmente a Napoli e Genova e riflettevo: il grande errore degli unionisti nord-irlandesi è stato quello non aver fatto prevalere la componente nonviolenta, lasciando spazio all'IRA, e così una giusta causa è stata rovinata da metodi assolutamente inaccettabili.
Mi domandavo cosa sarebbe successo in Italia e devo dire che è andata, finora, meglio di quanto credevo.
Stiamo parlando certamente di contesti e rivendicazioni molto diverse ma certe dinamiche si ripresentano.
Non bisogna mai abbassare la guardia; l'Italia ha conosciuto il terrorismo ideologico, di persone convinte di agire in nome di grandi ideali, e anche uomini cari alla FUCI ne ha pagato il prezzo.

giovedì, novembre 21, 2002

Small female skull

With some surprise, I balance my small female skull in my hands.
What is it like? an ocarina? Blow in its eye.
I cannot cry, hold my breath only as long as I exhale,
mildly alarmed now, into the hole where the nose was,
press my ear to its grin. A vanishing sigh.
For some time, I sit on the lavatory seat with my head
in my hands, appalled. It feels much lighter than I'd thought,
the weight of a deck of cards, a slim volume of verse,
but with something else, as though it could levitate. Disturbing.
So why do I kiss it on the brow, my warm lips to its papery bone,

and take it to the mirror to ask for a gottle of geer?
rinse it under the tap, watch dust run away, like sand
from a swimming-cap, then dry it - firstborn - gently
with a towel. I see the scar where I fell for sheer love
down treacherous stairs, and read that shattering day like braille.

Love, I murmur to my skull, then, louder, other grand words,
shouting the hollow nouns in a white tiled room.
Downstairs they will think I have lost my mind. No, I only weep
into these two holes here, or I'm grinning back at the joke,this is
a friend of mine. See, I hold her face in trembling passionate hands.


Carol Ann Duffy

Cossiga ha scritto a Berlusconi:

Un’ultima cosa: troppa incertezza e contraddittorietà vi è nella politica estera e militare del governo relativamente a un eventuale intervento militare contro l’Irak. Sembra che vogliamo andare d’accordo con tutti: con Bush, con Chirac, con Blair e con Schroeder, con arabi e israeliani, e forse anche con Saddam! Una cosa devi tenere per ferma: senza un chiaro ed esplicito mandato o autorizzazione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, con una nuova e diversa "risoluzione", e non con la "stiracchiatura" della risoluzione 1441, ogni nostra partecipazione, anche soltanto con la concessione dell’uso di basi o di sorvolo del territorio, sarebbe incostituzionale e giustificherebbe il ricorso alla "resistenza pacifica" e alla "disobbedienza".

Se lo dice lui....

Mi hanno chiesto di scrivere un libro, o meglio una raccolta di interviste, sugli 'amici' di Newman in Irlanda.
Amici nel senso di appassionati, studiosi, persone legate ai luoghi di Newman e simili.
Domani farò la prima intervista, a Niall Tierney, presidente della Newman Association of Ireland e figlio di Michael Tierney.
Di Niall non so molto, per ora.
Mentre ho letto una biografia del padre che fu un illustre studioso di greco. (1894-1975)
Yeats lo definì il più grande classicista irlandese vivente.
Professore universitario a 28 anni, divenne presidente di UCD (l'università dove studio), vicepresidente del Senato e del partito
Fianna Feil.
Fu anch'egli uno studioso di Newman di cui curò diverse raccolte di discorsi e di saggi celebrativi in occasione degli anniversari della fondazione della Catholic University of Ireland, la madre di UCD.
Ispirandosi alla dottrina sociale cattolica cercò un'alternativa sia la capitalismo che al comunismo.
Avverso al nazismo, si battè per la neutralità dell'Irlanda nella Seconda Guerra Mondiale.
Queste sue parole suonano così attuali.

We must be implicated, as far as in us lies, in no more wars to end wars or wars for democracy or for any other highsounding ideals on which war propaganda is so fruitful. Our course, above all in wartime, must be of 'sacred egoism'.

I never dared be radical when young
For fear it would make me conservative when old

Rober Frost

Due anni fa moriva Benetto Calati, un monaco che mi ha profondamente impressionato.
Quando l'ho conosciuto parlava poco e camminava a stento, a causa dell'ictus che l'aveva colpito.
Aveva degli occhi vispissimi, veramente profondi.
L'aspetto era quello di un uomo che travalica i secoli eppure era profondamente immerso nella vita del suo tempo.
Era l'immagine della bontà ma sapeva essere deciso e franco.

Mi ha insegnato una grande cosa, che l'amore di Dio è un bacio.

David Maria Turoldo gli dedicò una poesia per i suoi 70 anni.

«Benedetto, monaco dal volto d’argento,
fratello mio, tempi malvagi ci sono toccati in sorte...
È notte, fratello! ...
gli uomini della pace sono subito uccisi: tutta la terra è un arsenale di morte...
Almeno tu, l’Anziano dei secoli, quale tuo pastorale più vero,
brandisci il cero della pasqua e innalzalo sul tuo monastero a rompere la notte:
che anche da lontano guidi i molti amici che risalgono le antiche vie dei monaci nel cuore della foresta che pur tramanda ancora la eco di salmodie mai interrotte.
E lassù, insieme, da cella a cella componiamo nuovi cantici: perché la Terra torni a sperare».

Così lo ha ricordava Enrico Peyretti sul mensile torinese "il foglio", nel
n. 276 del dicembre 2000.


Il 21 novembre, alla notizia della sua morte, che da qualche giorno sapevamo di dover attendere, apro la raccolta dei suoi principali scritti, Sapienza
monastica (Studia Anselmiana, Roma 1994), e da una delle prime pagine mi viene incontro la sua immagine della maturita': un volto felice, che regala
serenita', e ti guarda negli occhi, con intelligente bonta'.
Era veramente cosi'. Glielo dissi quando festeggiammo i suoi ottant'anni, a Camaldoli, nell'ottobre del '94: sei un uomo felice, e scaldi il cuore.
Aveva pur avuto da soffrire, e soffriva di molte cose della chiesa, ma era felice. Accoglieva gli amici con vera festa ed abbracci.
Chi conosce il lavoro di padre Calati vi riconosce uno dei migliori e piu' profondi contributi al rinnovamento evangelico conciliare, attinto alla piu'
solida tradizione originaria, e alla spiritualita' piu' pura, al di la' della secolare decadenza del Vangelo caratterizzata dalla potenza
ecclesiastica. L'arcivescovo Pellegrino andava da lui e da lui accoglieva ispirazioni esemplari, nel comune riferimento all'eta' dei Padri.
Nell'ultima decina d'anni, un gruppo di amici suoi di varia provenienza e attivita', si ritrovava con lui, a Camaldoli, una o due volte l'anno. Era
una di quella gioie rare e profonde, che la vita amministra con parsimonia.
Le ultime volte, ripresosi da una prima malattia, ci diceva solo poche parole, seguendo la nostra conversazione, o entrandovi d'impeto. Poche
parole sempre essenziali, succo di vangelo. Ricordo ora per prime alcune sue parole di congedo: "Ottimismo, ottimismo, ricordatevi l'ottimismo". Diceva
ottimismo, per dire intelligenza evangelica, come la sua.
Altri diranno dei suoi contributi di studio sulla storia e la spiritualita' monastica, specialmente sul "suo" Gregorio Magno e su cio' che quel grande
dice anche oggi alla chiesa e all'umanita'. Io ricordo dom Benedetto, fino dalle settimane teologiche della Fuci a Camaldoli, attorno al '60, e a Roma,
a san Gregorio, negli anni del Concilio: parlare con lui, ascoltarlo, era bere acqua di monte, fresca e sana. Vivace come un fringuello, anche da
vecchio, franco ed aperto nell'esprimersi, era l'opposto del monaco chiuso sotto cappucci e dentro mura, ma ti portava frutti maturati in silenziosi
chiostri interiori. Erano frutti di liberta' evangelica.
Raffaele Luise ha appena raccolto per la Cittadella una sua lunga intervista, suo testamento spirituale, La visione di un monaco, su cui
bisognera' ritornare.
I suoi fratelli monaci ci hanno detto che, alla fine, diceva ogni tanto: "Andiamo in pace". Cosi' e' andato. Un'alta e profonda pace, che egli ora
trasmette a chi gli ha voluto bene.

Un primo, immenso, e per noi catastrofico, risultato politico questa oscura vicenda degli arresti di venti militanti di gruppi cosiddetti "no global" lo
ha gia' regalato ai padroni della globalizzazione neoliberista.
Per la stupidita' di tanti sedicenti ed autoproclamatisi (o proclamati dai mass-media piu' narcotici, autoritari ed osceni: che e' anche peggio)
"portavoce" del movimento per la pace che si oppone ai crimini della globalizzazione neoliberista, la maggioranza del popolo italiano e' resa
convinta che chi si batte contro la guerra e l'ingiustizia sia rappresentato da personaggi impresentabili e moralmente peggio che discutibili come i
leader dei cosiddetti Disobbedienti.
Congratulazioni.
*
Tutti coloro che all'accusa delirante di essere sovversivi hanno insensatamente risposto di si' ci hanno messo tutti in un cul di sacco.
Complimenti vivissimi.
Tutti coloro che militarescamente e cameratescamente "insorgendo come un sol uomo" hanno detto che le posizioni degli arrestati (e ingiustamente
arrestati, a mio avviso, dopo che ho letto una per una tutte le pagine dell'ordinanza - che comunque contengono molte cose assai diverse da quel
che i giornali e le tivu ne hanno cavato per il loro frettoloso pubblico consumista) sono "le nostre posizioni", ebbene, costoro hanno appiattito
tutto il "movimento dei movimenti" su posizioni moralmente inammissibili, logicamente deliranti ed effettualmente violentiste.
Grazie di cuore.
*
Ed invece questo occorre dir chiaro, e almeno noi lo abbiamo detto chiaro e non ci stancheremo di ripeterlo:
1. chi vuole lottare contro la guerra e contro l'ingiustizia globale deve essere costruttore di pace, operatore di giustizia, deve fare la scelta
della nonviolenza, che e' anche nonmenzogna.
La scelta della nonviolenza e' la discriminante fondamentale, chi non la fa non e' affatto un nostro compagno di lotta contro la violenza, il sessismo,
il razzismo, lo sfruttamento, l'inquinamento, la guerra.
Chi non fa la scelta della nonviolenza e' un nostro avversario.
2. Il "movimento dei movimenti" e' cosa complessa, germinale, ambigua, ingenua, giustamente senza capi e senza burocrati; ma e' anche cosa gia'
purtroppo largamente infiltrata da gruppi e logiche peggio che discutibili; ma nulla e' gia' deciso, questo movimento e' giovanissimo e puo' prendere
ancora vie assai diverse.
Battiamoci perche' tenga fermo il criterio del ripudio assoluto della violenza e della menzogna.
Chi ci propone unanimismi idioti con chi propugna o giustifica la violenza e' un nostro nemico. E dei peggiori.
3. Difendiamo i diritti umani degli arrestati, e chiediamone la scarcerazione se essi sono detenuti soltanto per i fin qui resi noti
fatti-reato (non dico le qualificazioni di essi in articoli penali, che sono per piu' versi insensate e persino ridicole in questo caso), poiche' essi
fatti-reato (che sono comunque gravi se al termine del procedimento dovesse risultare confermata l'ipotesi accusatoria di un agire con metodi violenti;
ma questo e' appunto cio' che il processo deve dimostrare o smentire, e ognuno deve essere considerato innocente finche' non se ne provi l'eventuale
colpevolezza) non sono tali a me sembra da giustificare una carcerazione preventiva.
4. Difendiamo la magistratura da chi vuole delegittimarla a vantaggio della destra eversiva al potere.
E chiediamo che l'azione giudiziaria, in questo come in tutti gli altri casi, proceda serenamente, rapidamente, e senza alcun condizionamento,
finalizzata solo all'accertamento della verita' e all'affermazione del diritto.
5. Cerchiamo di uscire al piu' presto dalla trappola in cui troppi sono caduti: di accettare il linguaggio e le accuse piu' turpi e irragionevoli, e
di replicare a chi ti insulta dicendo che si', siamo proprio cio' che lui dice. Dare ragione ai calunniatori - sia pure per incredulita' e in guisa di
scherno - e' sciocchezza grande ed effettuale complicita' con essi.
6. Come ebbero a dire Platone, Sant'Agostino, Marx, Luce Irigaray e Vandana Shiva (perche' sicuramente almeno una volta nella vita lo avranno detto
anche loro): piantiamola di fare gli scemi.
7. Per aver sottovalutato il fatto che la violenza corrompe tutto ed e' sempre nostra nemica, negli anni '70 un movimento giovane, ingenuo e
generoso, fu (certo, soprattutto anche perche' indottovi dalle trame eversive dei potenti; ma del proprio agire ognuno e' responsabile) travolto
nella follia e nel sangue. Impediamo che possa accadere di nuovo.
Solo la nonviolenza puo' salvare la nostra lotta.
Solo la nonviolenza puo' salvare l'umanita'.

Peppe Sini

Stasera in TV hanno dato American Beauty. Uno dei film preferiti di Claire. Non l'avevo mai visto.

Colpisce, indubbiamente.
Troppo stereotipato, moralistico, americano.
Però colpisce.


"Let us be lovers, we'll marry our fortunes together"
"I've got some real estate here in my bag"
So we bought a pack of cigarettes and Mrs. Wagner pies
And we walked off to look for America

mercoledì, novembre 20, 2002

The happiness of the soul is the the exercise of its affections.

martedì, novembre 19, 2002

Trovo difficile esprimere delle opinioni chiare su quanto sta accadendo in Italia.
Tra i tanti articoli che ho letto in questi giorni c'è questo apparso su Il Riformista di oggi che mi sembra colga un punto essenziale: la necessità delle riforme e l'inadeguatezza di gran parte delle posizioni politiche.


In pochi giorni la giustizia italiana, con un micidiale "uno-due" - prima la retata dei no global e poi la condanna del sette volte presidente del Consiglio - ha assestato un colpo molto duro al giustizialismo, a quel movimento di opinione, cioè, che ha puntato tutte le carte del rinnovamento italiano sull’opera dei magistrati. Vedere Nanni Moretti, e spezzoni del movimento del Palavobis, scendere in piazza al fianco dei no global per la scarcerazione di Caruso & C. apre una rilevante e salutare contraddizione nella sinistra che contava sui giudici per resistere, resistere, resistere. Vedere l’Unità balbettare sulla sentenza Andreotti è istruttivo circa lo stato d’animo dei sostenitori di Cofferati. Il quale, se condanna Cosenza ed è reticente su Perugia, diventa un socio imbarazzante per Rutelli e per Prodi.
La settimana che si è appena chiusa mette insomma la sinistra di fronte al suo Rubicone. Deve seppellire il giustizialismo. Lo ha usato per scardinare la Prima Repubblica e si ritrova Berlusconi a capo della Seconda. Chi l’ha usato contro Berlusconi ora deve liberarsene per difendere Caruso. Chi difende Caruso non ce la fa a difendere Andreotti. E così via. La strada è senza uscita. Di più, sta diventando un boomerang. Ogni volta che lo si lancia, torna in faccia a chi l’ha lanciato.
Il giustizialismo di sinistra soffre infatti di una contraddizione che quello di destra non ha. A destra si agita il cappio, che va bene per tutti. A sinistra si difende l’istituzione, e quando questa diventa indifendibile sono guai seri. Il problema che la sinistra deve dunque porsi è come rinnovare l’istituzione, una macchina giudiziaria che fa volare mandati di cattura per reati di opinione e associativi come fossero multe per divieto di sosta. E che condanna un ex presidente del Consiglio per un omicidio di 23 anni fa, di cui lui sarebbe il mandante ma nessuno conosce gli esecutori.
La sinistra, in una parola, deve diventare riformista anche sulla giustizia. Affrontare quel lavoro che Giorgio Napolitano ha ieri definito «un progetto di ricostruzione». I materiali sono tutti lì, li conosciamo bene: separazione delle carriere, obbligatorietà dell’azione penale, diritti della difesa, da manipolare nei modi e con gli equilibri che l’assetto istituzionale e la vicenda politica italiana consentono. Bisogna abbattere questo tabù. Se una riforma serve, si fa, qualsiasi sia l’effetto che essa produce sulla posizione giudiziaria di un eventuale avversario e senza temere la piazza e i suoi leaderini, che evaporano come neve al sole. Così si acquista credibilità anche nei confronti di chi, come Berlusconi, è costretto sempre a parlare con l’avvocato al fianco. Nel centro sinistra - e anche nel centrodestra - c’è tanta gente che può parlare liberamente. Si dia da fare per uscire da questo infernale circolo vizioso, che tiene il paese in una condizione di perenne e tempestosa immaturità.


"Auspico di cuore che le famiglie, le associazioni, le comunità ecclesiali e civili diventino sempre più palestre di ospitalità, di civile convivenza, di dialogo fecondo". È quanto si è augurato Giovanni Paolo II rivolgendosi ai numerosi pellegrini convenuti in Piazza San Pietro per la recita dell'Angelus di domenica 17 novembre, Giornata nazionale delle Migrazioni. "In Cristo, accogliendo ogni uomo - ha ricordato il Papa -, Dio si è fatto "migrante" nei sentieri del tempo per portare a tutti il Vangelo dell'amore e della pace. Contemplando questo mistero, come non aprirsi all'accoglienza e riconoscere che ogni essere umano è figlio dell'unico Padre celeste e quindi nostro fratello?". "Anche oggi - ha proseguito - si registrano gravi disuguaglianze, specialmente tra Nord e Sud del mondo. Ciò fa sì che la terra, divenuta sempre più "villaggio globale", sia purtroppo per gli uni un luogo di povertà e di privazioni, mentre nelle mani di altri si concentrano grandi ricchezze. In questo contesto, l'"altro" rischia di essere considerato spesso un concorrente, tanto più se è "diverso" per lingua, nazionalità e cultura". "È per questo importante - ha proseguito - che si diffonda lo spirito dell'accoglienza, da tradurre in comportamenti sociali di attenzione specialmente a chi è nel bisogno. Ognuno è chiamato a contribuire per rendere il mondo migliore".

lunedì, novembre 18, 2002

Da Avvenire del 17 Novembre 2002
il bestemmiatore

Un giorno Abramo invitò un mendicante a mensa nella sua tenda. Mentre diceva la preghiera di ringraziamento, quell'ospite si mise a bestemmiare. Abramo, indignato, lo scacciò. A sera Dio gli apparve e gli disse: «Quell'uomo mi sta maledicendo da cinquant'anni, eppure io gli ho dato sempre da mangiare ogni giorno. E tu non sei stato capace di sopportarlo per un solo pranzo?».
Sorprendente questo apologo della tradizione ebraica, anche perché per essa la bestemmia del Nome divino è un delitto gravissimo. Conosco un religioso generoso ed esemplare per quanto fa a favore degli emarginati, ma che nega il cibo e qualsiasi altra cosa se sente il disgraziato bestemmiare. Ebbene, Dio è più generoso di quanto lo siamo noi con le pur comprensibili norme e riserve che introduciamo.
Chi non ricorda le parole di Cristo riguardo al Padre celeste che fa sorgere il sole e fa piovere sia sui buoni sia sui malvagi (Matteo 5, 45)? Bisogna saper condividere questa immensa generosità divina sia nel dare sia nel giudicare. Forse quell'uomo bestemmia perché ha avuto una vita di stenti, di prove e di amarezze e Dio riesce ad andare di là delle sue parole perché egli conosce la storia di ciascuno non solo nella superficie ma in profondità. È per questo che egli è misericordioso oltre che giusto perché, come si insegna nella Bibbia, la sua giustizia si stende fino alla terza e alla quarta generazione, ma la sua bontà fino alla millesima (Esodo 34, 7). Perciò, «siate misericordiosi come misericordioso è il Padre vostro!» (Luca 6, 36).


Gianfranco Ravasi

domenica, novembre 17, 2002

E' finita l'elettricità.
Già, perchè in questa casa l'elettricità, come il credito del telefonino, finisce se non compri la ricarica e a quest'ora il negozio è naturalmente chiuso.
Potevamo pensarci per tempo, certo, ma in realtà ci sono sempre 5 euro da utilizzare in caso di emergenza. Peccato che lo spagnolo li ha attivati ieri sera senza avvisare gli altri e ora siamo qui, con 1 euro per tutta la notte. Questo significa che staremo al freddo e domani la doccia sarà fredda.
(Non è niente se penso che in mezzo mondo non hanno nè elettricità nè acqua corrente, però mi ci ero abituato)
Per fortuna il mio computer ha una buona batteria e posso ricaricarlo, furtivamente, nell'atrio comune.

Girl Culture

Un nuovo libro del fotografo Lauren Greenfield rivela le insicurezze, i sogni e i riti segreti delle ragazze americane. Quello che emerge è un ritratto di due generazioni cresciute troppo in fretta.

A new book by photographer Lauren Greenfield reveals the insecurities, dreams and secret rituals of American girls. What emerges is a portrait of two generations growing up too fast.


And the moon rose over an open field
Cathy I'm lost I said though I knew she was sleeping
I'm empty and aching and I don't know why
Counting the cars on the New Jersey Turnpike
They've all come to look for America
All come to look for America

sabato, novembre 16, 2002

Il nuovo vescovo anglicano di Birmingham, la seconda città dell'Inghilterra, ha fatto oggi il suo ingresso ufficiale.
Right Reverend Doctor John Sentamu è nato in Uganda ed è il primo vescovo di colore nel Regno Unito.

Foto e servizio sul sito della BBC
Birmingham's first black bishop has been installed in the city with a series of unusual ceremonies.

La copertina dell'ultimo numero di WIRED è dedicata alla nuova convergenza tra scienza e teligione.
Ci sono tra l'altro una bella intervista al direttore dell'Osservatorio Astronomico Vaticano ed un articolo (un po' ridicolo secondo me) sugli esperimenti per valutare l'efficacia della preghiera nella cura delle malattie.

venerdì, novembre 15, 2002

Ieri ho finalmente bevuto un po' di birra.
(Non sarebbe una notizia se non fossi astemio)
Con tutta la famiglia irlandese, ossia i miei roomates, sia andati in Porterhouse proprio dietro il Clarence Hotel, quello di Bono. Ottima scelta.
Incredibile la varietà di birre, da quelle classiche europee a quella cinesi, giapponesi, persino un'americana con 17 gradi di alcool!
Naturalmente la mia scelta è caduta tra quelle meno alcoliche.
Ho scelto una Floris alle mele ma era finita e allor ho preso quella al miele. Il ragazzo di Andrea ha preso una Floris al cioccolato!
Ho poi scoperto che mischiare miele e birra è una usanza non così barbare come potrebbe apparire, anzi.
Il sapore è naturalmente dolciastro e inizialmente può risultare sgradevole ma, visto che doveva durare tutta la serata, l'ho gustata a piccoli sorsi.
La prossima volta provo quella alle ciliege.

Quello che ha scritto oggi doter, ossia mia sorella, è geniale.
Ha assegnato i suoi personalissimi award musicali.
Buon sangue non mente.

Vi segnalo il recente documento (13 nov.) della Conferenza Episcopale Statunitense sulla guerra in Iraq.

Lo tradurrò appena avrò un po' di tempo libero.

giovedì, novembre 14, 2002

TOCWEBLOGS
Un'altra Francesca da tenere sott'occhio.

UNICARE è la società che si occupa della sicurezza del campus dove vivo ed oggi nel mio residence si celebra il Residents Awardness Day.
Nonostante la pioggia fitta una musica a tutto volume invita i residenti ad incontrare gli uomini dell'UNICARE.
Ma non basta, per coinvolgere più gente hanno avuto la brillante idea far scattare l'allarme in tutte le camere.
L'allarme della cucina in realtà scatta ogni volta che cuciniamo i toast, quello invece della mia camera non l'avevo mai sentito (e spero di non sentirlo mai più).

La busta free stuff è piuttosto deludente: due portachiavi, due penne, alcuni adesivi, due timetables, cioccolatini, un quotidiano.
Rispondendo ad alcune semplici domande (dove si trovano le sedi di UNICARE nel campus, qual è il numero da chiamare per le emergenze, ecc.) puoi partecipare al solito concorso a premi.

Tutto questo baccano per insegnarci i numeri di telefono?
Potevate risparmiarvelo, o almeno la prossima volta fateci fare una bella simulazione contro gli incendi.

Midnight is where the day begins ...

Oggi vado a registrarmi all'Ufficio Stanieri della Polizia (Alien Registration Office).
Il tempo è pessimo ma l'umore compensa.

How's to say where the wind will take me
How's to say what it is will break me
I don't know which way the wind will blow

The Seven Deadly Social Sins:

Politics without Principle
Wealth without Work
Commerce without Morality
Pleasure without Conscience
Education without Character
Science Without Humanity
Worship without Sacrifice.

Gandhi.

On November 13, 1850, Robert Louis Stevenson was born in Edinburgh. A frail child from birth, Stevenson struggled with
respiratory problems his entire life. After attending Edinburgh Academy and the University of Edinburgh, he studied law, was
admitted to the bar, but never practiced because of his desire to write. A prolific novelist, poet, and essayist, Stevenson is best
known for novels like "Treasure Island," "Kidnapped," and "The Strange Case of Dr. Jekyll and Mr. Hyde." However, he wrote
numerous other books, including travel books, children's books, books of verse, and collections of essays. After spending a few
years in America, Stevenson and his family moved to the South Seas in 1889, finally settling in Samoa, where he continued to
write and enjoy a reputation among the natives as a grand teller of tales. In an 1890 letter to a friend, he wrote:

"I am not fond of bigots myself,
because they are not fond of me."

He also authored some provocative examples of oxymoronica:

"The cruelest lies are often told in silence."

"Is there anything in life so disenchanting as attainment?"

"There is a fellowship more quiet even than solitude,
and which, rightly understood, is solitude made perfect."

mercoledì, novembre 13, 2002

Bono has shot a video message and contributed to a new book about AIDS in Africa, to be published this autumn.

The book, 'The aWAKE Project: Uniting Against the African AIDS Crisis', is the latest contribution in a campaign to alert young people in American churches that the crisis in Africa is one they must persuade their government to tackle.

Earlier in the summer, responding to a request made by executives in the Christian music business, Bono sent a video-taped message to be aired at a clutch of music festivals.

"Today, this very day, 5,500 Africans will die of AIDS," he said on the tape. "If this isn't an emergency, what is? We're supposed to love our neighbor. The Bible tells us to love our neighbor. ... Well, we're not. We really are not. God is not looking for alms. God is looking for action."

Jay Swartzendruber, publicity manager for Gotee Records in Nashville, Tenn., was among five Christian music executives who drafted a proposal to work with Bono and suggested the video . ‘We as a label feel strongly that the evangelical church and the charismatic church and the Western church in general ... really needs to wake up to the Bible's clear principles for Christian service. It is important to meet physical needs.’

He said 24 Christian artists are now endorsing DATA, the recently launched campaigning group in which Bono is a key player. Supporters including dc Talk, Jars of Clay, Newsboys, Out of Eden, Sixpence None the Richer and Third Day.

Bono's video was featured at nine festivals and various concert settings this summer and, understanding the target audience, Bono was keen to cite the Bible. 'There are two thousand, three hundred verses of Scripture pertaining to the poor. History will judge us on how we deal with this crisis. God will judge us harder on how we deal with this crisis.'

In urging people to get in touch with political leaders and sign up with DATA to express their desire to make AIDS and poverty in Africa a priority, church leaders say Bono, who met with key religious figures in Washington in March, is having some influence. Some church groups are now developing strategies to address AIDS and building coalitions with relief agencies who are already been providing assistance. Michael W. Smith, another supporter of DATA, has recorded a song for an upcoming album from Interscope Records whose proceeds will help AIDS relief efforts in Africa.

The book will be published by the W. Publishing Group and features contributions from an eclectic mix of people including Nelson Mandela, Bono, and other artists.

More on DATA .

Enrico ha scritto lunedì sul suo blog:

"Mi sento contento, oggi. A dispetto della città eterna. Il fine settimana è stato un grappolo di cose belle che mi invitano a non fissare lo sguardo sulle difficoltà piccole o grandi che siano, ma a vivere ogni istante come parte di un disegno molto più ampio, nel quale siamo vincenti e non per merito nostro. Come affrontare una partita sapendo che è truccata: per te finirà bene, anche se non riesci a immaginare attraverso quali percorsi. La sensazione di smarrimento e grato stupore, per il quale sei spettatore della tua stessa partita, ti libera dall'ansia di dover ad ogni costo far virare il risultato. E nel contempo conservi le forze per poterle impegnare in particolari che non avresti energia neanche per notare. Libero"


Bene, questa è esattamente una sensazione che ho avuto anche io ultimamente, in particolare quando sono arrivato qui in Irlanda attraverso una serie di incredibili coincidenze e casi fortuiti, e che non avrei saputo descrivere così bene.
Anche io ho sentito che certe cose dovevano andare in un certo modo anche se all'inizio non capivo perchè. In realtà questo è quello che la tradizione cristiana chiama Provvidenza, che a volte si fa intelligibile ma spesso rimane misteriosa, appena percettibile. Eppure basterebbe un pizzico di fiducia in Dio e saremmo tutti più sereni.

Armatevi e partite. Ogni tanto si riparla di arruolare gli "extracomunitari" nell'esercito (visto che gl'italiani non ci vogliono
venire) e farne dei mercenari col premio finale della cittadinanza. Di solito in questi casi si citano gli antichi romani, gli stradiotti (i
mercenari albanesi di San Marco: neanche i veneti di allora avevano molto spirito militare) e gli ascari. Stavolta la proposta viene dal
centrosinistra (Lusetti, della Margherita), con la variante che gli extracomunitari vanno non solo arruolati ma arruolati nei corpi scelti.
E questo e' gia' un progresso: si suppone che un paracadutista somalo per lo meno non torturera' dei civili somali, come invece hanno fatto i
paracadutisti italiani. La morale della favola tuttavia e' sempre la stessa: gli italiani hanno il buon senso di non voler fare la guerra;
ma non rinunciano alla "furbizia" di pagare gli altri per farla.

Riccardo Orioles

martedì, novembre 12, 2002

Due siti curiosi.
Sul primo, irakattack, si può scommetere sulla data dell'attacco americano.
Il secondo, engrish, è dedicato alle distorsioni che i giapponesi fanno della lingua inglese.

lunedì, novembre 11, 2002

On November 11, 1821, Fyodor Dostoevsky was born in Moscow.
The son of a physician, his mother died when he was 16 and his father was murdered a few years later. After graduating from a
private boarding school, he attended the Military Engineering College, graduating as an officer in the Russian Army. In 1849, at
age 28, he was arrested and sentenced to death for treason, but his sentence was reprieved and he was sent to a Siberian prison
camp for 5 years. In 1860 he wrote his first novel, "House of the Dead," based in part on his Siberian experiences. After several
trips to Europe, where he was both fascinated and horrified by the Industrial Revolution, he returned to Russia to write some of
the greatest novels in Russian literature, including "Crime and Punishment," "The Idiot," and "The Brothers Karamazov." In
"Karamazov" he wrote:

"It is not miracles that generate faith,
but faith that generates miracles."

And in "Notes From the Underground," he offered this penetrating oxymoronic insight

"In despair there are the most intense enjoyments,
especially when one is very acutely conscious
of the hopelessness of one's position."


Ieri ho finito di leggere Wittgentein in Ireland di Richard Wall (ve ne parlerò prossimamente) e stamattina ho comprato Jacobson's Organ and the remarkable nature of smell di Lyall Watson.
Parla dell'olfatto, un senso che non ho. Meglio, sento gli odori ma solo alcuni e comunque in modo tenue.
E' una cosa molto strana che ho scoperto solo negli ultimi anni. Già, perchè a differenza dell'udito o della vista, il deficit dell'olfatto non è così evidente.
A dire la verità non mi sono fatto mai analizzare, non so neppure come si chiama questa menomazione, molto semplicemente mi sono accorto che spesso non sentivo nulla quando gli altri mi dicevano: che puzza! Il chè poi non è un gran svantaggio.
Il libro in questione, scritto da un biologo, dovrebbe aiutarmi a capirci un po' di più.

Due felici notizie.

1. I miei genitori verranno a trovarmi in Irlanda, prima della fine del mese. Sono riuscito a convincerli.
2. Mia cugina, il marito e i loro 4 figli (l'ultimo deve ancora venire alla luce) dopo l'estate partiranno per andare in missione, in Estonia.

Buon viaggio

domenica, novembre 10, 2002

Hang on to your hopes my friend
That's an easy thing to say
But if your hopes should pass away
Simply pretend that you can build them again

Look around
Grass is high
The fields are ripe
It's the springtime of my life

Ooooh, seasons change with the scenery
Weaving time in a tapestry
Won't you stop and remember me
And at a convenient time

Funny how my memory skips
While looking over manuscripts

Avere la connessione in camera tramite la wireless card è molto comodo ma per colpa dei firewall non posso utilizzare ICQ, non posso utilizzare i programmi peer-to-peer, non posso utilizzare Realplayer, non posso utilizzare FTP.
Insomma è 'na mezza sola.

Né sogni, né utopie
a cura di Patrizia Caiffa
inviata Sir a Firenze


"C'è una impressionante partecipazione agli incontri sulla non violenza" osserva don Tonio Dell'Olio, coordinatore di Pax Christi
Italia, che al Social Forum Europeo, in corso a Firenze fino al 10 novembre, promuove, insieme ad altre organizzazioni, numerosi seminari
sui temi della pace e del dialogo tra Chiese e religioni. "Il popolo di Porto Alegre - afferma Dell'Olio - non è solo un movimento
giovanile come poteva essere quello del '68, non distribuisce sogni e utopie, descrive percorsi e itinerari molto concreti". Dell'Olio,
affrontando una questione che preoccupa l'opinione pubblica, sottolinea che "l'uso della violenza si ritorce contro il movimento
stesso" perché "accetta lo stesso linguaggio di chi parla con la guerra.
Stare su questo terreno non paga, si è sconfitti già nei metodi prima ancora che nelle finalità".
E sui giovani cattolici presenti al Forum - a loro è stata assegnata la piazza S.Maria Novella, dove la Rete Lilliput e la Tavola della
pace hanno allestito una tenda, mentre nella chiesa saranno celebrate ogni giorno due messe (alle 8 e alle 17) - don Luca Niccheri,
fiorentino, coordinatore regionale dei centri missionari della Toscana, osserva che "è una presenza minoritaria dal punto di vista
delle sigle, ma se si va a vedere quanta gente vive il proprio impegno in movimenti, reti, gruppi in un ottica vocazionale, cioè come
chiamata di Dio ad impegnarsi in questo momento a lottare per la giustizia, la pace, i diritti, allora il numero e la qualità delle
persone aumenta". Don Niccheri, infine, rivendica, da parte dei missionari, "una primogenitura rispetto alla riflessione sui temi
della globalizzazione. Non condivido l'accusa di andare a rimorchio di altre culture, semmai siamo stati i primi a sollevare il problema".
Lo spazio di preghiera interconfessionale è proprio all'ingresso della Fortezza da Basso - il cuore del Social forum europeo, in corso in
questi giorni a Firenze - e tanti giovani di ogni nazionalità e religione si avvicinano curiosi ed entrano togliendosi le scarpe, in
"segno di umiltà, amicizia e condivisione con i popoli oppressi", come recita il cartello che li accoglie, insieme ad una bevanda "equa e
solidale" offerta dagli organizzatori. Come nella Chiesa di Boccadasse durante il G8 di Genova qui i missionari animano ininterrottamente la
preghiera davanti ad un altare allestito con teli indiani e simboli universali - un lume acceso con accanto dell'acqua e del cibo -,
mentre alle pareti c'è lo spazio per i messaggi o per mettere la propria firma su due bandiere con i colori della pace "che verranno
inviate a Bush e Sharon". Qui al Forum c'è tutto, tranne la violenza.
"Ho l'impressione che Genova sia stata una grandissima lezione per tutti - dice suor Patrizia Pasini, missionaria della Consolata,
promotrice dell'iniziativa -. Qui e in città è tutto diverso, anche le forze dell'ordine hanno cambiato atteggiamento. Dall'esperienza di
Boccadasse del digiuno e della preghiera abbiamo capito che questi modi profondi, alternativi, di riflessione e umanizzazione, sono un
grande richiamo per tutti. L'organizzazione è stata contenta della nostra proposta e ci hanno assegnato uno spazio molto bello, c'è
grande collaborazione. C'è una fiamma che rappresenta la luce, la speranza che ci accomuna tutti". Nella grande e colorata confusione
della Fortezza da Basso e del vicino Palaffari (i due luoghi dove si svolgono gran parte delle centinaia di convegni, seminari e workshop)
si incontrano capelli rasta, poncho messicani, treccine africane, ma anche qualche velo di suora. "Qui i cattolici sono a proprio agio e al
proprio posto" precisa suor Pasini. Anche una religiosa domenicana, alle prese con l'apparecchio per la traduzione simultanea, ascolta
attenta un dibattito su guerra e pace. "Siamo venute in cinque dalla nostra comunità - racconta suor Angela De Luca, di Prato -.
Semplicemente perché come italiane e come cristiane ci interessano i problemi della fame e della giustizia nel mondo e sentiamo la
necessità di informarci personalmente, anziché farci fuorviare dalle finte verità propinate dai mass media. Spesso siamo abituati a puntare
il dito contro le devianze dei giovani ma vedere qui tanta ricerca di ideali è una grande speranza".
"E' il momento opportuno perché l'Europa e le Chiese ascoltino i giovani, che stanno cercando un futuro migliore, vogliono un
cambiamento ed hanno idee nuove e una nuova visione dei problemi". Ad affermarlo è Rogate Mshane, luterano, membro della Commissione, pace e
salvaguardia del creato del Consiglio ecumenico delle Chiese, uno dei relatori al seminario su "Il contributo delle Chiese nella costruzione
della nuova Europa", promosso da diverse realtà tra cui Pax Christi, Sae, Agesci, Beati i costruttori di pace, Emmaus-Italia, Cipax,
Federazione Chiese evangeliche italiane, nell'ambito del Social Forum europeo in corso in questi giorni a Firenze e che vede riunite oltre
22.000 persone. "L'Europa ha una storia di colonialismo che deve rivisitare - afferma Mshane, originario della Tanzania -, riconoscendo
gli errori del passato per costruire un nuovo continente più pacifico, in cerca di giustizia. Ogni religione deve assumere ancora più
pienamente l'impegno per la pace e lavorare insieme per trovare le soluzioni per il futuro dell'Europa". Secondo Mshane "l'Europa deve
inserire i valori cristiani nella Costituzione", ma anche "cristianesimo e islam non devono essere in contrasto perché sono come
fratelli, figli dello stesso padre, Abramo. Appartengono alla stessa famiglia ed entrambe le religioni parlano di pace". Per Athanase
Hatzopoulos, vescovo ausiliare della Chiesa ortodossa di Atene e rappresentante della Chiesa ortodossa presso le istituzioni europee a
Bruxelles, la partecipazione al Social Forum "è importante per poter parlare della propria fede, apprezziamo molto questo sforzo degli
organizzatori. Ho parlato con i giovani e ho sentito di trovarmi al punto giusto perché è qui che la Chiesa deve parlare e ascoltare".
Anche Grazia Bellini, della presidenza Agesci, è convinta che "i giovani desiderano esserci ed essere ascoltati: in loro c'è
l'aspettativa di una responsabilità delle Chiese e di una presenza effettiva nella storia, che sappia riconiugare la fede con la vita
quotidiana". Bellini sottolinea il filo rosso che lega la partecipazione dei giovani cattolici alle Giornate mondiali della
gioventù alla presenza al Social Forum: "La Gmg è caratterizzata da un focus forte sulla figura del Papa - osserva -. Qui si vive più
l'esperienza del mettere in pratica quello che è stato detto anche dal Papa, privilegiando gli incontri e gli scambi. Sono entrambe occasioni
ricche e preziose ma non in alternativa".
"Non c'è una politica coerente nell'aiuto allo sviluppo dei Paesi poveri. L'Europa finora non ha avuto il coraggio di fare granché,
perché gli interessi nazionali sono ancora prevalenti rispetto a quelli comuni che andrebbero portati avanti a livello di politica
unitaria europea". E' il parere di Rosario Lembo, presidente del Cipsi, uno dei tre coordinamenti italiani di organismi non governativi
che operano nei Paesi del Sud del mondo, presente al Social Forum europeo di Firenze soprattutto per sensibilizzare sul tema del diritto
all'acqua per tutti, già emerso con forza durante lo scorso vertice mondiale di Johannesburg. Secondo Lembo, l'Europa è ancora
politicamente "un po' debole" per riuscire a contrastare da sola le politiche neoliberiste. "Anche sul tema dell'acqua - spiega - l'Europa
risente delle pressioni multinazionali che la spingono verso politiche di privatizzazione. Di positivo c'è in parallelo la crescita della
società civile, che però deve ancora trasformarsi in progettualità politica". Il Social Forum, a suo avviso, "non ha ancora una azione
compatta. Si sta dando più importanza agli aspetti di rete e metodologici, piuttosto che a coordinare i contenuti per costruire
delle piattaforme per la difesa dei diritti presso le istituzioni europee. Ci si interessa ancora poco dei comportamenti europei e del ruolo che
l'Europa potrebbe avere nella difesa dei diritti. Si tratta di mettere a punto strategie a livello di politiche sociali, ambientalistiche, dei
diritti umani". Per questo il forum europeo, a suo avviso, è "solo una prima tappa, ce ne vorranno altri. Il suo valore è dato dal fatto che
non poteva essere sufficiente Porto Alegre, e che porterà a riflettere maggiormente sulle nostre responsabilità di europei nei confronti
del resto del pianeta".

Molto gradevoli questi tree63 dal Sud Africa.
Basta aprire la loro home page per ascoltare tutto il loro nuovo album.

sabato, novembre 09, 2002

Sul sito ufficiale di Francesco Gazzè, fratello nonchè paroliere di Max, si trovano bei racconti e poesie, oltre che ai testi delle canzoni.

Seguo via internet la grande manifestazione di Firenze.
E' bellissimo.


We'd better think about the things we say
We'd better think about the games we play
The world went round, around and round

We'd better think about the consequences
We'd better think about the global senses
The time went down, the time went down

Strani casi della vita.

Sto guardando Panic Room, un thriller uscito quest'anno che narra di Meg Altman, una donna sulla trentina divorziata con una figlia che vive in una grande casa a Manhattan appena aquistata. Quando tre ladri vi entrano per rubare, Meg si rifugia con la figlia all'interno della panic room, una stanza inventata apposta per rifugiarvisi in caso di pericolo. La panic room però, è proprio dove i ladri cercano il bottino.

Proprio prima di iniziare la visione del film avevo mandato un sms a Lucie, la franco-portoghese, chiedendo sue notizie.
Dopo qualche minuto mi scrive: I am having a quite evening, I was robbed last week. Don't worry, it was more fear than damage.

Esattamente come questo film, più paura che danno.
Eppure il danno che maggiore è proprio la paura che lascia.
Non ho mai subito un furto ma credo che sia come un taglio, a volte è un piccolo taglio, un graffio, ma a volte colpisce profondamente, quasi un'amputazione.
Perchè quel ci appartiene è legato profondamente a quello che siamo.

venerdì, novembre 08, 2002

Oggi ricorre il 105esimo anniversario della nascita di Dorothy Day, una grande militante nonviolenta americana (nata l'8 novembre 1897, deceduta il 29 novembre
1980), fondatrice del movimento del "Catholic Worker" (e della rivista omonima) che ha condotto innumerevoli lotte per la pace e la giustizia, ed ha fondato decine di case di ospitalita' urbane e di comunita' agricole per i piu' poveri.

Opere di Dorothy Day: Una lunga solitudine. Autobiografia, Jaca Book, Milano 1984. Opere su Dorothy Day: Jim Forest, L'anarchica di Dio,
Paoline, Cinisello Balsamo 1994; W. Miller, Dorothy Day e il Catholic Worker Movement, Jaca Book, Milano 1981.

Tutto passa e anche il postmodernismo ormai ha fatto il suo tempo.
Ecco un articolo, divulgativo, apparso su The Philosophers' Magazine.

Concordo pienamente.

giovedì, novembre 07, 2002

Leggo on line i giornali di oggi: a Firenze non è successo nulla.
Come non è successo nulla, ci sono più di 20.000 persone che stanno discutendo e mi dite che non è successo nulla?
Migliaia di persone che si incontrano, si confrontano, che cercano nuove soluzioni non sono un notizia così rilevante.
La notizia principale è che non è (ancora) successo nulla.
Cercavano il cretino che rompe la vetrina e non sono soddisfatti.

Il mondo della comunicazione mi pare sempre più un mondo di sciacalli, bramosi solo della notizia sensazionale.
Il male fa notizia, l'errore, il vizio, l'abuso, lo scandalo, la provocazione.
E la vita, la vita vera, il bene che sorregge il mondo e fa andare avanti, con fatica e gioia, milioni di persone ogni giorno?

L'ho notato tornando in Italia.
Com'è l'Irlanda? mi chiedevano. Sto benissimo, la gente è cordiale, ci si diverte, non si mangia male, fa freddino ma non sono mai stato così bene.
Una professoressa mi dice: devono avere una mentalità un po' chiusa, ho visto quel film, Magdalene's Sisters.
Ma la mentalità chiusa c'è l'avrai tu che confondi la realtà con un film infamante.
Ma veramente credete che le suore si divertino a maltrattare delle ragazze disagiate? O che il passatempo preferito dei preti sia l'abuso dei minori?

Se stasera mi sparassi domani sarei su tutti i giornali. Grazie a Dio sto benissimo e voglio farlo sapere a tutti quelli che mi leggono.
Stasera a Frenze ci sono almeno 20.000 partecipanti del Social Forum che si stanno conoscendo, si scambiano esperienze, condividono un piccolo pezzo di vita ma non troveremo quasi nulla di tutto questo sui giornali di domani.
E se anche per voi la mia felicità, ma anche la vostra e quella di tutti, è meno importante di un aereo che cade o dei risultati del campionato di calcio allora meritate di vivere in una società di sciacalli.

Godetevi la vostra tragedia quotidiana, sempre alla stessa ora, sulla stessa rete.
E adesso la pubblicità, non cambiate canale.

Ora che ho la connessione in camera posso curare maggiormente questo blog.

Ho appena letto l'ultimo numero on line di First Thing.
Da segnalare la recensione dell'ultimo lavoro sull'intelligenza delle emozioni di Martha Nussbaum, una delle mie filosofe preferite (nonostante la delusione di maggio scorso).

Finalmente ho visto about a boy.

La seconda parte del film è del tutto diversa dal libro ma non mi è spiaciuta.
Mi sono reso conto che un libro dura ore, giorni mentre ogni riproduzione cinematografica è pur sempre una parziale ricostruzione che deve tener conto del tempo limitato.
Certo seguire i dialoghi in inglese non era semplice, ho colto 2/3 delle battute, ma nel complesso il film diverte e fa un po' pensare all'età e alla maturità, che non sempre vanno d'accordo.


mercoledì, novembre 06, 2002

Se vi piacciono le etichette le chiamerete no global, sono semplicemente suore americane che vivono il Vangelo nella sua radicalità.

Dal sito di informazione missionaria femmis.

Tre religiose domenicane sono state arrestate durante una manifestazione contro le installazioni missilistiche di Colorado Springs.
Carol Gilbert, Jackie Hudson e Ardeth Platte, questi i nomi delle donne che secondo quanto riportato dall'agenzia d'informazione religiosa "Vidimus"
hanno partecipato ad una manifestazione contro le installazioni missilistiche di Colorado Springs e sono state arrestate per l'azione di
disobbedienza civile scaturita dalla protesta gia' nel settembre del 2000.
Anche allora erano state arrestate e poi prosciolte per un'azione di disobbedienza civile sempre in Colorado. In questa occasione invece
all'arresto fara' seguito il processo.
In un comunicato le religiose hanno sottolineato che le ricerche militari spaziali del governo degli Stati Uniti "portano allo spreco di miliardi di
dollari, risorse umane e materiali, causando la distruzione dell'ambiente e l'inquinamento dello spazio".
Sono diverse le religiose e i religiosi che finiscono sotto accusa per la partecipazione ad azioni di protesta e a favore della pace, come accade per
il gruppo "SOA Watch", fondato dal missionario di Maryknoll Roy Bourgeoise, e per quanti aderiscono al "Thomas Merton Center" di Pittsburgh, che sabato
scorso ha organizzato una manifestazione contro la guerra all'Iraq per le strade della citta'.

Sono nuovamente a Dublino.
La novità è che sto scrivendo dal mio letto, il computer e la wireless net ora funzionano bene. Speriamo che durino.

Il viaggio è andato tutto bene anche se mi sono annoiato all'aeroporto di Londra ma è meglio avere un certo margine di tempo tra i voli così non si
corrono rischi in caso di ritardo.
Oggi è stata una bella giornata. Sono stato a lezione di greco, è cambiato l'insegnante. Poi ho incontrato la professoressa, abbiamo parlato un po'.
Domani ho una conferenza nel pomeriggio.

L'aria è rigida ma il tempo per ora è stato piuttosto clemente.

Stasera c'era un grande spanish party al Coyote Lounge ma preferisco riposarmi un po', anche perchè non se ne può più di questi spagnoli che hanno invaso l'Irlanda.

lunedì, novembre 04, 2002

Questi giorni li avevo immaginati diversamente. Più tranquilli.
Il terremoto si è fatto sentire, diverse volte.
Questa notte mi ha persino svegliato.
Per fortuna non mi fa molta paura, non mi lascio prendere dal panico anche perchè abitando al terzo piano se il palazzo sta crollando non c'è il tempo di fuggire. E allora tanto vale stare fermi e aspettare che tutto passi.

La mia casa abruzzese ha piccolissime crepe sui muri e sul pavimento.
Quella di Napoli non so ancora, temo peggio.

Domani sera sarò nuovamente a Dublino.